sabato 31 ottobre 2015


Copernicus, Galileo, Newton had received a first major
synthesis of scientific culture, a new framework of the knowable and
its influences on the totality of human society, which would
have led to the gradual subversion of ideas and behaviors
who had reigned for unevenly valued knowledge.
Those precious achievements, for various reasons (some very obvious), not
found proper relationship with the pragmatic behavior
social and rationality that takes into account the different position
of which he was aware.
Should be long now, have groped for the light of
considerable amount of detail knowledge, that we can
use, an overview of the whole that is in us and
around us; observe reality better perceived, from visual angles
unusual, look, turn, separate, eliminate, trying to find
large and small truth and value what, after repeated
monitoring and evaluation, it is considered acceptable. At the completion of the
strenuous processing, preparing the land suitable for the construction of
Building structures with more durable, more interior space, and a
panorama that allows maximum enlargement of the vision before
not possible. For the enhancement of personal advances
knowledge, it is imperative that you enter in your kit
cognitive general knowledge, at least the synthesis possible for
each, after the necessary workings critical, without fear to reject
what you would like to accept as highly righteous,
true and immutable. This phase is unfortunately difficult to
realize (at least for a high percentage of people) because the
qualities necessary for evaluations and effective action, will suffer
debasement operations and maintenance to the lowest levels, from
those who have the ability and the interest to do it.
Qualities necessary to oppose alleged high know, insensitive
selfishness, arrogance unacceptable, comfortable addictions; you persist
also in convincing that the human being is kneaded for worse, and
this necessity must tolerate it, because of course
unavoidable. It will attempt to delve further on the issue of
We should, or rather must, to balance intellectual and spirit
knowledge, we consider what is beyond our environment
usual, what we know and ill, in the personal limits,
we know better. Keep in mind that human society, is
wrapped in a web of ideas and behaviors very different
even within restricted communities, behaviors very often
Away from personal ways of thinking and acting; microcosms
multiform often bound by chains of sufficiency and pride, in
hand powers impactful who consider themselves keepers of truth
and of great merit. Who does not appreciate or deprive these qualities,
needs (very obvious) aid and directives to be followed with
quiet adjustment. We can probably assume that
already in prehistoric times, in reduced human groups, someone
with a more lively open-mindedness (a little more "clever") felt
compelled to lead the group. For the good of all established their own
supremacy, making the result more in line with its
enlightened opinion. As time goes on (is History) these stirrings
company is widened, they irrobustivano created communities
national, to get there, we're almost there, the global village.
 The diuturne events of all humanity must take into account that
which exists alongside the human, that determines the harmonic become
the balance of the whole living and physical and humbly acknowledge,
that this set we are only a part; do not forget the data
the indubitable fact that the planet we inhabit is a tiny
fragment of the universe.
We are only small particles, but from time immemorial accustomed to
consider the maximum; This pride is almost compassionate
slightly corrected from admitting perfectibility.
Let's try to find a road leading to a conscientious, lucid
restructuring of our role and of our intelligence, in
clear and indisputable fact that man, by nature
limitations, he knows and will know only fragments of
framework of the total existing concrete.
Choose from many, those cards that we consider most important for
compose an acceptable mosaic that can prospettarci proper
away, for an extension of adequate knowledge and compatible
with our rationality and the consequential behavior.
The physical knowledge coordinated by the thought, that relationship can
have with the immensity of reality that are beyond the horizon of
our knowledge? That impulse can lead to another
Human knowable? This impulse can be called cognitio
Rerum or filognosia? --- The term, the concept filognosia
could be used, with a certain frequency, alongside philosophy,
important concept that for millennia has illuminated
rationality, but with the background of pride. Filognosia with
clear humility, greater adherence to human knowable, can
mean better consistency with a broader context and
detailed view of the current. --- The assumptions cognitive
be contemplated are unlikely to be able to find a solid and
reliable basis for the great and valuable series of laborious
miniatures, patient and creative industry, innumerable details; anything
and no, do not delude ourselves, gives us the solid rock on which to build
fundamental knowledge of our existence. The great work of the
science with its certainties, can not give what we want;
certainties "scientific" certainty how much of today retain in
near future?
A basis as possible, relative, can be found in simple
realization of our existence and the need, pragmatically
ethics, a balance between the individual, the rest of humanity and the environment
that allows life; essential awareness of partiality
immersed in the totality. The important work done by
commitment from all those "intellectuals", who in their respective fields
devote the necessary investigations, the manifestations of art.
I want them humbly express a pressing invitation to try to
relate, always, their precious efforts, connect their
interessamenti space, the real, essential for
awareness, which allows us to better connections between our
its intelligence, arrogantly despotic, intolerably
superb, and the immense universe relativity; Finally, exit
"Tower of" ivory "and defiled, understanding the situations pitifully
on the planet, not losing sight of the rights of the existing total.
From the space where they live pristine, ideals, utopias are the pure
You desire slightly down stop in the minds, in our hearts
and the living planet feeds them, wraps them in a total embrace them
contaminated with partiality, human faults, but the embrace them
stifles, not diminish them; their vitality can not be reduced by the
human misery, does not need support from those who are
convinced that they are the elect. We are all chosen to give their home in
deepest of our personality; all from the neighbor to more
far, dall'incolto wise to bring it the yeast, pulses,
consciously or not. When awareness of such heritage
animate most of us, when the powers that direct
to their unacceptable visions will have at least a minimum of
discernment of meanness when navigating, only then will
begin the journey that will transform the utopia into a concrete reality,
despite imbalances temporarily tolerable. These reflections
apprezziamole as a concrete lighthouse and a clear trend, not
limiting ourselves to an idealized consideration, but insert it in
daily behavior to counteract laziness, selfishness and
affordable moderations ..... continues

(From Deep Revolution "knowledge and awareness" 2011 edition Lulu)


Con Copernico, Galilei, Newton si era pervenuti ad una prima grande
sintesi della  cultura  scientifica,  un nuovo quadro del conoscibile e
relative  influenze  sulla  totalità  della  società  umana,  che  avrebbe
dovuto portare al progressivo sovvertimento di idee e comportamenti
che avevano imperato  per le insufficienti e mal valutate conoscenze.
Quelle preziose conquiste, per vari motivi (alcuni molto ovvii), non
hanno  trovato  rapporto  adeguato  con   pragmatici  comportamenti
sociali e con una razionalità che tenesse conto della diversa posizione
di cui si veniva a conoscenza.
Dovrebbe  esser  tempo  ormai,  tentare  di  avere  alla  luce  delle
notevoli  quantità  di  dettagli  conoscitivi,  che  oggi  possiamo
utilizzare,   una  visione  generale  di  tutto  l’insieme  che  è  in  noi  ed
attorno a noi; osservare la realtà meglio percepita, da angoli visuali
inconsueti, cercare, rivoltare, separare, eliminare, tentando di trovare
le  grandi  e  piccole  verità  e  valorizzare  quello  che,  dopo  ripetuti
controlli  e  valutazioni,  si  ritiene  accettabile.  Al  compimento  delle
faticose elaborazioni, predisporre il terreno adatto alla costruzione di
un  edificio  con  strutture  più  durevoli,  migliore  abitabilità,  ed  un
panorama che consenta il massimo allargamento della visione prima
non  possibile.  Per  la  personale  valorizzazione  dei  progressi  della
conoscenza,  è  indispensabile  che  si  inserisca  nel  proprio  corredo
cognitivo le conoscenze generali, almeno con la sintesi possibile per
ognuno, dopo il necessario lavorio critico, senza timore di respingere
quello  che  si  vorrebbe   fare  accettare  come  altamente  giusto,
veritiero  ed  immutabile.  Questa  fase  purtroppo  è  difficile  da
realizzare  (almeno  per  un’alta  percentuale  di  persone)  perché  le
qualità  necessarie  per  valutazioni  ed  azioni  efficaci,  subiranno
operazioni  di  svilimento  e  di  mantenimento  ai  livelli  più  bassi,  da
parte  di  coloro   che  hanno  le  possibilità  e  gli  interessi  per  farlo.
Qualità necessarie per opporsi a presunto altissimo sapere, insensibili
egoismi,  superbie  inaccettabili,  comode  assuefazioni;   si  persisterà
anche   nel  convincere  che  l’essere  umano  è  impastato  nel  male,  e
questo  per  necessità  bisogna  tollerarlo,  poiché  naturalmente
ineliminabile.  Si  tenterà  di  approfondire  più  avanti  il  problema  del
Dovremmo, o meglio dobbiamo, per equilibrio intellettuale e spirito
di  conoscenza,  considerare  ciò  che  è  al  di  là  del  nostro  ambiente
abituale,  quello  che  mal  conosciamo  e  che,  nei  personali  limiti,
potremmo conoscere meglio. Tenere presente che la società umana, è
avvolta  in  una  rete  di  concezioni  e  comportamenti  molto  differenti
anche  in  seno  a  comunità  ristrette,  comportamenti  spesso  molto
lontani  dai  personali   modi  di  pensare  ed  agire;  microcosmi
multiformi  sovente  vincolati  da  catene  di  sufficienza  e  superbia,  in
mano a poteri di forte impatto che si considerano detentori di verità
e  di  grandi  meriti.  Chi  non  apprezza  o  disconosce  queste  doti,
necessita  (molto  evidente)  di  aiuti  e  direttive  da  seguire  con
tranquillo  adeguamento.      Possiamo  verosimilmente  supporre  che
già in epoche preistoriche, in ridotti raggruppamenti umani, qualcuno
con una più vivace apertura mentale (un poco più “furbo”) si sentiva
in dovere di guidare il gruppo. Per il bene di tutti  stabiliva la propria
supremazia,  facendo  comportare  gli  altri  conformemente  al  suo
illuminato  parere.  Col  passare  del  tempo  (è  la  Storia)  questi  vagiti
societari  si  ampliavano,  si  irrobustivano  creavano  le  comunità
nazionali, per arrivare, ci siamo quasi, al villaggio globale.
 Le diuturne vicende dell’intera umanità devono tener conto di quello
che  esiste  accanto  l’umano,  che  nell’armonico  divenire  determina
l’equilibrio  dell’insieme  vivente  e  fisico  e  riconoscere  umilmente,
che di questo insieme siamo solo una parte; non dimenticare il dato
di  fatto  indubitabile  che  il  pianeta  che  abitiamo  è  un  piccolissimo
frammento dell’universo.
Siamo solo modeste particelle, ma da tempo immemorabile abituati a
considerarci  il  Massimo;  questa  quasi  compassionevole  superbia  è
lievemente corretta dall’ammettere la perfettibilità.
Proviamo a trovare una strada che porti ad una coscienziosa, lucida
ristrutturazione  del  nostro  ruolo  e  della  nostra  intelligenza,   nella
precisa  ed  indiscutibile  constatazione  che  l’uomo,  per  naturale
limitatezza,  conosce  e  potrà  conoscere   solo  alcuni  frammenti  del
quadro della totale concretezza esistente.
Scegliere  tra  tante,  quelle  tessere  che  riteniamo  più  importanti  per
comporre un accettabile mosaico che possa prospettarci una corretta
via, per un ampliamento di una conoscenza adeguata e compatibile
con la nostra razionalità e per i consequenziali comportamenti.
Le conoscenze fisiche coordinate dal pensiero, che rapporto possono
avere  con  le  immensità  delle  realtà  che  sono  oltre  l’orizzonte  della
nostra  conoscenza?  Che  impulso  possono  determinare  verso  altro
umano  conoscibile?  Questo   impulso  può  essere  chiamato  cognitio
rerum  oppure  filognosia?  ---  Il termine, il concetto filognosia
potrebbe essere usato, con una certa frequenza, accanto a  filosofia,
concetto  importantissimo  che  per  millenni  ha  illuminato  la
razionalità,  anche  se  con  sottofondo  di  superbia.   Filognosia,  con
chiara  umiltà,  maggiore  aderenza  all’umano  conoscibile,  può
significare  migliore  coerenza  con  un  quadro  più  allargato  e
dettagliato  della  visione  attuale.   ---  Le  ipotesi  conoscitive
prospettabili,  verosimilmente,  non  potranno  trovare  una  solida  ed
affidabile  base  per  la  grandissima  e  preziosa  serie  di  laboriose
miniature, paziente e creativa operosità, innumerabili dettagli; niente
e nessuno, non illudiamoci, ci da la solida roccia su cui costruire la
fondamentale conoscenza del nostro esistere. Il grande lavoro della
scienza con le relative certezze, non potrà dare ciò che vorremmo;
le certezze  “scientifiche”  di  oggi  quanta  certezza  conserveranno  nel
prossimo futuro?
Una  base  possibile,  relativa,  si  può  trovare  nella  semplice
constatazione del  nostro esistere e  nella necessità, pragmaticamente
etica, di un equilibrio tra il singolo, il resto dell’umanità e l’ambiente
che  permette  la  vita;  essenziale  la  consapevolezza  di  una  parzialità
immersa  nella  totalità.      Importantissimo  il  lavoro  svolto  con
impegno da tutti coloro, “gli intellettuali”, che nei rispettivi campi si
dedicano ai necessari approfondimenti, alle manifestazioni dell’arte.
Voglio  loro  esprimere  con  umiltà  un  pressante  invito  a  cercare  di
rapportare,  sempre,   le  loro  preziose  fatiche,  connettere  i  loro
interessamenti  allo  spazio,  quello  vero,  essenziale  per  una
consapevolezza, che ci consenta migliori connessioni tra la nostra
relativa  intelligenza,  arrogantemente  dispotica,  intollerabilmente
superba,  e  la  immensa  relatività  dell’universo;  infine,  uscire  dalla
“torre d”avorio” e contaminarsi, conoscere le situazioni pietosamente
presenti sul pianeta, non perdere di vista i diritti del totale esistente.
Dallo  spazio  dove  vivono  incontaminati,  gli  ideali,  le  utopie  i  puri
desideri lievemente scendono si fermano nelle menti, nei cuori nostri
ed  il  pianeta  vivente  li  nutre,  li  avvolge  in  un  abbraccio  totale,  li
contamina  con  le  parzialità,  i  difetti  umani,  ma  l’abbraccio  non  li
soffoca, non li sminuisce; la loro vitalità non può essere ridotta dalle
umane miserie, non necessita di sostegno da parte di coloro che sono
convinti di essere gli eletti. Tutti siamo scelti a dare loro dimora nel
più profondo della nostra personalità; tutti dal vicino di casa al più
lontano,  dall’incolto  al  sapiente  ne  portiamo  il  lievito,  gli  impulsi,
consapevoli o meno. Quando la consapevolezza di tanto patrimonio
animerà  la  maggior  parte  di  noi,  quando  i  poteri  che  indirizzano
verso  le  loro  inaccettabili  visioni  avranno  almeno  un  minimo  di
discernimento  della  grettezza  in  cui  navigano,  soltanto  allora  potrà
avere  inizio  il  cammino  che  trasformerà  l’utopia  in  concreta  realtà,
pur  con  gli  squilibri  temporaneamente  tollerabili.  Queste  riflessioni
apprezziamole  come  un  concreto  faro  ed  una  netta  tendenza,  non
limitandoci  ad  una  idealizzata  considerazione,  ma  inseriamola  nei
comportamenti  quotidiani  per  contrastare  ignavia,  egoismi  e
convenienti moderazioni..... continua

(tratto da Deep Revolution  "Conoscenza e consapevolezza" 2011 edizione Lulu)

lunedì 26 ottobre 2015


La naturale proposta dell’equinox day  è indubbiamente un’utopia, strabiliante ma sempre utopia; è la limitata intelligenza umana conseguentemente mal utilizzata, che qualifica come utopico quanto detto. Soltanto la consapevolezza, la concreta consapevolezza della totale insignificanza dei vari componenti planetari e della totalità planetaria stessa, può ridurre il carico utopico di questa festività che dovrebbe con concreti auspici partendo dall’umanità estendersi gioiosamente al restante planetario che si avvale della planetaria durata del giorno e della notte; una proposta che orgogliosamente non vuole fregiarsi di nessuna etichetta, né innalzare nessuna bandierina, un’ idealità emblema qualificante del  genere umano. Tutte le giornate celebrative sono dedicate per ogni singolo giorno del calendario a proposte varie spesso di importanza settoriale che prospettano operatività immerse in parzialità che si annullano nella generale indifferenza. Riproponiamo ancora una volta la data dell’equinozio di primavera (21 marzo) come gioiosa giornata festiva per la totalità umana.
Alcuni tentativi nella evidente insufficienza delle possibilità sono stati attuati per portare la conoscenza di questa proposta al maggior numero possibile di esseri umani

La suddetta proposta era stata avanzata in un mio scritto con titolo “ Equinozio”edito nel 2003

                          INTERNATIONAL FESTIVAL OF 'EQUINOX

The proposed natural Equinox Day is undoubtedly a utopia, but always astonishing utopia; It is the limited human intelligence subsequently misused, that qualifies as utopian as it said. Only the knowledge, the actual awareness of utter insignificance of the various components and the whole planetary planetary itself, can reduce the burden of this utopian festivity that should auspices starting with concrete humanity joyfully extend to the remaining planetary making use of planetary day length and of the night; a proposal that does not want to proudly boast of no label, or raise any flag, a 'qualifying emblem ideals of mankind. All the days of celebration are dedicated for each calendar day to various proposals often important sector envisage that operation immersed in bias that cancel in the general indifference. Once again we present the date of the vernal equinox (March 21) as joyful festive day for the whole human.

Some attempts in the apparent failure of the possibilities have been implemented to bring the knowledge of this proposal to the largest possible number of human beings

This proposal was put forward in my letter titled "Equinox" published in 2003

giovedì 22 ottobre 2015

Disfatta globale del geocentrismo

Questa rivoluzione ( l'eliocentrismo), porta con se un elemento altamente discriminante, unico rispetto alle numerosissime rivoluzioni che hanno costellato le attività della società umana da venti, trentamila anni e forse più. Con relativistica certezza, per tanto, questa sovvertitrice rivoluzione non ha niente a che vedere con la variegata storicità dei comportamenti umani. Come abbiamo detto è un unicum che ha origine e sviluppo in una fisicità che è al di là delle possibilità operative della razza umana, operatività che restano drasticamente lontane dalle indiscutibili leggi naturali e senza alcuna possibilità di interferenze. La sua validità per tanto con relativistica certezza, va ben oltre le contingenze più o meno durature che caratterizzano da sempre le vicende umane. Le attività logiche, razionali ed emotive della classe colta dell’umanità, non hanno percepito o non vogliono percepire questa immensità che distanzia enormemente le elitarie attività dei numerosi esperti dalla concreta consapevolezza fisica che obbligherebbe all’ inoppugnabile adeguamento; abnorme ingiustificabile, superbia dell’antropocentrismo

Tratto dal un testo: 1543 pag 16 e seguenti.

Una supponente pletora di  intellettuali  non si rende conto della enorme importanza della rivoluzione copernicana e continua ad essere pervasa dal patologico antropocentrismo; superficialmente non reimposta umilmente la propria attività celebrale.

                                         defeat global geocentricism

This revolution, brings with it a highly discriminatory, unique compared to the numerous revolutions that have marked the activities of human society for twenty, thirty thousand years and perhaps more. With relativistic certainty, therefore, this subversive revolution has nothing to do with the varied historicity of human behavior. As we have said it is a unique example that has originated and developed in a physicality that is beyond the practical possibilities of the human race, operations that are dramatically far from indisputable natural laws and without any possibility of interference. Its validity for much with the relativistic certainty, goes far beyond the contingencies more or less lasting that have always characterized human affairs. Activities logical, rational and emotional educated class of humanity, did not receive or do not want to feel this immensity that distances vastly elitist activity of numerous experts from the concrete physical awareness that oblige all 'incontrovertible adjustment; the abnormal unjustifiable pride of anthropocentrism.

Based on a text to be published entitled: 1543 defeat of geocentricism

An opinionated plethora of intellectuals do not realize the huge importance of the Copernican revolution and continues to be pervaded by the pathological anthropocentrism; superficially does not reset humbly their brain activity.

mercoledì 21 ottobre 2015

Israelis and Palestinians

I propose again what I wrote some years ago.
You need an albeit brief and incomplete historical background of the current situation.
The Jewish people, after the diaspora, has managed for centuries to preserve their identity and to keep in mind the desire for a return to the land of their fathers (significant mutual wish traded annually: next year in Jerusalem).
Zionism, in its political side, was born to the 800 with Herzl and his idea of ​​a charter of rights guaranteed by the United Jewish Europeans.
It developed further with Weizmann, who had managed to snatch England, with the Balfour Declaration of 1917, a clear commitment. But the idea that would lead to the establishment of the State of Israel in 1945 was Ben Gurion who had clearly understood that only the strong support of the United States would have been decisive, even for the presence of the powerful American Jewish lobby.
Underpinning Ben Gurion there was the sympathy and solidarity of much of the world and especially the European one for the horrendous holocaust suffered by the Jews. So intensifies migratory push towards Palestine and even intensify the trouble.
Various explanations attempt to frame the current painful situation.
A just logic would want a solution so dramatic was implemented after a patient work of mediation between Jews and Palestinians; the latter, in fact, were at home always, born and raised in the land of the fathers and the fathers of their fathers. If Zionism that Martin Buber dreamed in the ideal message expressed in his most celebrated (Ich und Du), his dream in which Arabs and Jews, who are subject to an intense and personal, inspired by the intention to cooperate, he could to imbue any part of the play of Ben Gurion and the other players, the course of events would have been probably different. The United States, Europe and especially England or remained at the window watching, or worse for their interests, favored the immigration of survivors of violence that shame humanity that were the extermination camps the Nazis. Certainly the belief that a Jewish state would favor pro-Western interests of Westerners in the Arab world "treacherous" was not of secondary importance. It would be necessary for the purpose of mutual tolerance and real peace between the two contenders work, immediately, to the establishment of a Palestinian state even with precise boundaries; but this obviously was not part of western designs. This situation is understandable, dramatically, on the one hand and the other Palestinian hostility fear of a possible destruction of the state of Israel. That being so the Israelis could choose between a very difficult road, which was to mitigate the conflict with the other party and try to reduce the hatred of Palestinians for the "intruders", and the way of force, the road always by choice who has the strength, the way of those who are convinced that by force they can trample sacrosanct rights, a road distance shows its utopia and stupidity, because it strengthen the, hate, feeling terribly negative reasonableness would there be but especially minimized between two peoples living together in close. Palestinian suicide bombers could boast a shining example in a certain Samson; invokes the Lord saying: Lord God give me back my strength a time so that he can take revenge on my enemies. What is the difference with the Palestinian rivals today? Reprisals of the State of Israel does not have an iota added safety of its inhabitants, as practically and is clearly visible to all, but they managed to develop harmful feelings of revenge and hatred with its practical manifestations of inhumane spiral blood calls for blood that leaves horrified. International law that sets limits to the use of retaliation whereas this is an expression of serious lack of moral sense, of inhumane behavior of a society that claims to civil should not tolerate the slightest; how much is the distance from the self-defense? Retaliation as it is practiced today can be said, without any doubt, that is the expression of a total disavowal of the Preamble of the Universal Declaration of Human Rights and many of his articles.
(From Equinox Edas edition 2003)

Skipping the most tragic everyday life, we can say without a doubt that this is the obvious outcome of improvident disastrous unilateral constitution in 1948 gave birth to the State of Israel. Over the years, if I remember correctly, this has received much criticism and warnings from the UN; Israeli governments of the time, confident of US protection, have not taken any account. The attacks and counterattacks Israeli - Palestinian entifade and caused wars that constantly solved with the Israeli dominance given the obvious disproportion of forces and the blatant US protection.
Reflecting on the most immediate operation organized by the arrogant behavior of the unbalanced government led by Netanyahu, it seems to us that the most nefarious activities of the Israeli state is reached; They are evident, even if insufficient signs of a decoupling US that practically blocked the expansion of Israeli settlers beyond the Jordan, so we can hope for a future reduction and a return of Israeli sovereignty within the previous boundaries.
Contrast, the rivalry between Israelis and Palestinians that has lasted several decades, presumably, painfully last for a time that is difficult to define. We should start from that vision a balanced, naturally expressed by Martin Buber, return to dream, realize that dream that unified the Arabs and Jews, who are subject to an intense and personal, inspired by the intention to cooperate.
Unfortunately, the Israelis and the Jews in general do not want to realize that the time in which there could be a chosen people is drastically fortunately gone for good. In my opinion, with profound attempt to be balanced, it is the Israelis who have to reduce the arrogant belief superb still consider although ambiguously, chosen people and comply equitariamente entire human population to which they belong.
Practically considered terrorists that handful of desperate fighting with knives and stones at the Israeli army super organized, is an ambiguous effort to forge concrete data; Certainly there are also those who use explosives and these can be attributed rightly qualified as terrorists. It is the dignity, the intrinsic values ​​Palestinians oppressed by Israeli arrogance that "forces" the intifada. The real solution to these dramatic situations, as things stand today is considered impractical. To want to be optimistic and utopian and dilute a just solution in the not too long presents a unique realistic perspective. This perspective is evident and it is theoretically and pragmatically the establishment of a Palestinian state with clear boundaries and with full dignity constitutional and operational. There are other possibilities, other ways outside of this; until you come to the obligatory proper realization of a Palestinian state with the qualities and characteristics has been said, everything else will talk, and often dramatic expression of continued exploitation by the Western world selfishly unselfish to a correct solution and maintenance the status quo. Of course the long conflict between the two groups, you can not erase it with a sponge, residueranno unfortunately unavoidable that queues hardly retain conflict that could last for more dramatic years.


Ripropongo quanto ho scritto alcuni anni fa.
È  necessario un sia pur breve ed incompleto inquadramento storico della situazione attuale.
Il popolo ebraico, dopo la diaspora, è riuscito nei secoli a conservare la propria identità ed a tenere presente il desiderio di un ritorno alla terra dei padri (significativo l’augurio vicendevole scambiato annualmente: l’anno prossimo a Gerusalemme).
Il sionismo, nel suo versante politico, è nato alla fine dell’800 con Herzl e la sua idea di una Carta dei diritti ebraici garantita dagli Stati Europei.
Si è sviluppato ulteriormente con Weizmann, che era riuscito a strappare all’Inghilterra, con la dichiarazione di Balfour del 1917, un impegno preciso. Ma l’idea che avrebbe portato alla costituzione dello Stato di Israele era stata nel 1945 di Ben Gurion il quale aveva chiaramente intuito che soltanto l’appoggio forte degli Stati Uniti sarebbe stato determinante, anche per la presenza delle potenti lobby ebraiche statunitensi.
A sostenere Ben Gurion vi era la simpatia e la solidarietà di gran parte del mondo e specie di quello europeo per l’orrendo olocausto subito dagli ebrei. E così si intensifica la spinta migratoria verso la Palestina e si intensificano anche i guai.
Varie spiegazioni tentano di inquadrare la dolorosissima situazione attuale.
Una giusta logica avrebbe voluto che una soluzione così drammatica venisse attuata dopo una paziente opera di mediazione tra ebrei e palestinesi; questi ultimi, di fatto, erano in casa propria da sempre, nati e cresciuti nel territorio dei padri e dei padri dei loro padri. Se il sionismo che Martin Buber  vagheggiava nell’ideale messaggio espresso nella sua opera più celebrata (Ich und Du), quel suo sogno in cui arabi ed ebrei, umani soggetti di un rapporto intenso e personale, animati dall’intenzione di collaborare, fosse riuscito ad improntare anche parzialmente l’azione di Ben Gurion e degli altri protagonisti, il corso degli eventi sarebbe stato verosimilmente diverso.  Gli Stati Uniti, l’Europa e particolarmente l’Inghilterra o sono rimasti alla finestra a guardare, o peggio per i loro interessi, hanno favorito l’immigrazione violenta dei superstiti di quella vergogna dell’umanità che sono stati i campi di annientamento nazisti. Sicuramente la convinzione che uno stato ebraico filo-occidentale avrebbe favorito gli interessi degli occidentali in un mondo arabo “infido” non è stata di secondaria importanza. Sarebbe stato necessario ai fini di una reciproca tolleranza e di una vera pacificazione tra i due contendenti operare, immediatamente, per la costituzione anche di uno stato palestinese con precisi confini; ma questo evidentemente non rientrava nei disegni occidentali. In questa situazione è comprensibile, drammaticamente, da una parte l’ostilità palestinese e dall’altra la paura di una possibile distruzione dello stato d’Israele. Così stando le cose gli israeliani potevano scegliere tra una strada difficilissima, che era quella di attenuare i contrasti con la controparte e cercare di ridurre l’odio dei palestinesi per gli “intrusi”, e la strada della forza, la strada da sempre scelta da chi la forza la possiede, la strada di coloro che sono convinti che con la forza si possano conculcare diritti sacrosanti, una strada che alla distanza mostra tutta la sua utopia e stupidità, perché fa irrobustire i, l’odio, sentimento terribilmente negativo che ragionevolezza vorrebbe non ci fosse ma specialmente da ridurre al minimo tra due popoli in stretta convivenza. Gli attentatori suicidi palestinesi potrebbero vantare  un fulgido esempio in un certo Sansone; invoca il Signore dicendo: Signore Iddio rendimi le mie forze di un tempo affinché possa vendicarmi dei miei nemici. Quale è la differenza con gli emuli palestinesi odierni? Le rappresaglie dello Stato di Israele non hanno aggiunto una jota alla sicurezza dei suoi abitanti, come praticamente e chiaramente è sotto gli occhi di tutti, ma sono riusciti a sviluppare i nefasti sentimenti di vendetta e di odio con relative pratiche manifestazioni di una disumana spirale di sangue che chiama sangue che lascia inorriditi. Il diritto internazionale che limiti pone all’uso della rappresaglia considerando che questa è espressione di gravissima mancanza del senso morale,di comportamento disumano di una società che si proclama civile non dovrebbe minimamente tollerare; quanta è la distanza dalla legittima difesa? La rappresaglia come oggi è praticata si può dire, senza alcun dubbio, che è espressione di un totale disconoscimento del Preambolo della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e di numerosi suoi articoli.
(tratto da Equinozio edizione Edas  2003)

Saltando a piè pari nella più tragica quotidianità, possiamo dire senza ombra di dubbio che questo è l’evidente esito della improvvida nefasta unilaterale costituzione che nel 1948 ha dato vita allo Stato di Israele. Nel corso degli anni se non ricordo male, questo ha ricevuto numerose critiche e avvertimenti da parte dell’ONU; i governi israeliani del tempo, sicuri della protezione statunitense, non ne hanno tenuto nessun conto. Gli attacchi e contrattacchi israelo – palestinesi causavano entifade e guerre che costantemente si risolvevano con il predominio israeliano data la evidente sproporzione delle forze in campo e la smaccata protezione statunitense.
Riflettendo sulle più immediate operatività organizzate dall’arrogante squilibrato comportamento dell’attuale governo guidato da Netanyahu, ci sembra che il massimo della nefasta attività israeliana sia stato raggiunto; sono evidenti, anche se insufficienti i segni di uno sganciamento statunitense che praticamente ha bloccato l’espansione dei coloni israeliani oltre il Giordano, per cui si può sperare in una futura riduzione ed un rientro della sovranità israeliana entro i precedenti confini.
Il contrasto, la rivalità tra israeliani e palestinesi che dura ormai da parecchi decenni, presumibilmente, dolorosamente durerà per un tempo che è difficile definire. Bisognerebbe  ricominciare da quella visione equilibratamente, naturalmente espressa da Martin Buber, ritornare al sogno, concretizzare quel sogno che unificava arabi e ebrei, umani soggetti di un rapporto intenso e personale, animati dall’intenzione di collaborare.
Purtroppo gli israeliani e gli ebrei in genere non vogliono rendersi conto che quel tempo in cui poteva esistere un popolo eletto è drasticamente, fortunatamente, tramontato definitivamente. A parer mio, con profondo tentativo di essere equilibrato, sono gli israeliani che devono ridurre la arrogante superba convinzione di continuare a considerarsi anche se ambiguamente, popolo eletto e uniformarsi equitariamente all’intera popolazione umana di cui sono parte.
Praticamente considerare terroristi quel pugno di disperati che combatte con coltelli e pietre contro il super organizzato esercito israeliano, è un ambiguo tentativo di falsificare dati concreti; certo esistono anche coloro che usano esplosivi e a questi si può attribuire giustamente la qualifica di terroristi. È la dignità, gli intrinseci valori palestinesi conculcati dalla arroganza israeliana che “costringe”all’intifada. La concreta soluzione di queste drammatiche situazioni, oggi allo stato dei fatti è da considerarsi inattuabile. A voler essere ottimisti ed utopici e diluire una giusta soluzione in tempi non troppo lunghi si presenta una unica realistica prospettiva. Questa prospettiva è evidentissima ed è teoricamente e pragmaticamente la costituzione di uno stato palestinese con precisi confini e con piena dignità costituzionale e operativa. Non esistono altre possibilità, altre modalità al di fuori di questa; fin quando non si arriverà all’obbligatoria corretta realizzazione di uno stato palestinese con le qualità e caratteristiche già dette, tutto il resto saranno chiacchiere, spesso drammatiche ed espressione di un continuo sfruttamento da parte del mondo occidentale disinteressato egoisticamente ad una corretta soluzione e al mantenimento dello status quo. Certo che la lunga conflittualità tra i due gruppi, non sarà possibile cancellarla con un colpo di spugna, residueranno purtroppo code difficilmente ineliminabili che conserveranno  conflittualità che potrebbero prolungarsi per altri drammatici anni.

sono riflessioni di un semplice essere umano, certamente non esperto che cerca di approfondire il più equilibratamente possibile

Ad ogni buon conto riportiamo la traduzione inglese

lunedì 19 ottobre 2015


Mi chiedo che idea hanno in mente dell’unica Eterna Immensità, capi e sottocapi del cattolicesimo. Con quale ignorante incoscienza e intollerabile superbia azzardano interpretazioni dell’essenzialità e dell’operatività divina. Soltanto la modesta intelligenza umana e il persistente, intollerabile geocentrismo che non ha nessuna voglia di rendersi conto della sua improponibilità può tollerare questi atteggiamenti.
Senza ombra di dubbio il cristianesimo è accettato più o meno superficialmente da una minoranza umana, altre minoranze hanno idee e comportamenti delle divinità, differenzi e contrastanti con tutte le restanti convinzioni religiose. Totale inaccettabilità della superba disastrosa presenza nelle varie religioni delle suddette assurdità; tutte le religioni contrapposte,da sempre generatrici di guerre con morti e disastri incalcolabili. Non ci vogliamo rendere conto che da un’infinità di millenni questo pianeta vive tutte le correlate attività nella indiscutibile fisicità; questa fisicità con le sue leggi inflessibili ha consentito lo sviluppo della parte biologica.
Con tutto il rispetto e l’ammirazione per le esplicitazioni dei numerosissimi e variegati talenti umani, dobbiamo coerentemente posporre le operatività umane alla inflessibilità delle leggi fisiche la cui credibilità può raggiungere e superare il 99% ma prudentemente non avvicinarsi troppo al 100%. Non un improponibile, disumano ordinamento gerarchico ma una armonica straordinaria compartecipazione di tutti gli elementi fisici e biologici che costituiscono la totalità planetaria.


I wonder what idea they have in mind the only Eternal Immensity, leaders and lieutenants of Catholicism. How ignorant unconsciousness and intolerable arrogance dare interpretations of essentiality and divine operations. Only modest human intelligence and the persistent, intolerable geocentricism who has no desire to realize its inadmissibility can tolerate such attitudes.
Without a doubt Christianity is accepted more or less on the surface by a minority human, other minorities have ideas and behavior of the gods, differentiate and mixed with all other religious beliefs. Total unacceptability of superb disastrous presence in the various religions of the above nonsense; all religions opposed, always generating wars with deaths and incalculable disasters. We do not want to realize that by countless millennia this planet lives all related activities in the undisputed physicality; This physicality with its inflexible laws allowed the development of the biological part.

With all respect and admiration for clarifications of the many and varied human talents, we must consistently postpone the operation to human inflexibility of physical laws whose credibility can reach and exceed 99% but prudently not to get too close to 100%. Not an impossible, inhumane hierarchical order but a harmonic extraordinary sharing of all the physical and biological factors that constitute the whole planet.

venerdì 16 ottobre 2015


There is a saying, an invitation that has animated the classical Greece. The well-known and appreciated know yourself. Even today I think it is possible to recognize a good validity. Approaching More recently, ribalza immediately engaging attention to the motto of the medical school of Salerno with the natural invitation, the urgent attention it declares with obvious ease observatio et ratio, ie the need, the urgent need to observe carefully, deeply the possibility that cognitive They must enlighten certain interessamenti that guide our research. Intuitively you already understand that this invitation can not be geared exclusively to the practice of medicine, knowledge of the disease and possible treatment but you can easily extend and determinately to search for causes and consequent reflections involving all inquiring that, based on recognition the immediate effects extend to the whole business rational and emotional of the highest human activities.
In my opinion this enlargement is a staggering immensity that a bright path that can be adopted for a large number of research knowledge and consequent efficient deductions. A thrilling guideline that can not fear contradictions. Out struggle to superficiality and hasty solutions.


C’è un motto, un invito che ha animato la grecità classica. Il ben noto e apprezzato conosci te stesso. Ancora oggi penso sia possibile riconoscerne una ottima validità. Avvicinandoci a tempi più recenti, ribalza subito alla coinvolgente attenzione il motto della scuola medica salernitana con il naturale invito, la pressante attenzione che dichiara con ovvia naturalezza observatio et ratio, cioè la necessità, la pressante necessità di osservare attentamente, profondamente le possibilità conoscitive che devono illuminare quei determinati interessamenti che orientano le nostre ricerche. Intuitivamente si è già capito che quell’invito non può essere orientato esclusivamente per la pratica medica, la conoscenza della malattia e delle possibili cure ma si può facilmente e determinatamente estendere alla ricerca delle cause e conseguenti riflessioni che coinvolgono la totalità indagatrice che partendo dal riconoscimento degli effetti immediati si estende a tutta l’attività razionale ed emotiva delle più alte attività umane. A parer mio questo allargamento è di una immensità strabiliante che un luminoso percorso che può essere adottato per un numeroso numero di ricerche conoscitive e conseguenti efficienti deduzioni. Una esaltante linea guida che non può temere contraddizioni. Lotta senza quartiere alle superficialità e alle soluzioni affrettate.

giovedì 15 ottobre 2015


Mettere da parte con sincerità e limpido pensiero l'aberrante superbo antropocentrismo nella duratura, naturale convinzione che l'umanità è una parte; una magnifica parte, di un esaltante, inebriante tessuto. Tessuto che connette stupefacenti coinvolgimenti di realtà meritevoli di piacevoli gioiose emotività e gratificanti sensibilità. Un fiorire di meravigliosi sentimenti che amplificano la luminosità del nostro pianeta.

Put aside with sincerity and clear thought the aberrant superb anthropocentrism in lasting, natural belief that mankind is a part; a magnificent part of an exhilarating, intoxicating fabric.
Tissue that connects drug involvements actually deserving of pleasant emotions joyful and rewarding feeling. A plethora of wonderful feelings that boost the brightness of our planet.

giovedì 8 ottobre 2015


Da un paio di secoli a questa parte la conoscenza delle leggi naturali è in continuo allargamento e approfondimento.  La pragmatica operatività di queste leggi controllate e ricontrollate ripetutamente si avvicina e talvolta supera il 99%, perfettamente in linea con il relativismo ormai decisamente operativo.  C’è una concreta riflessione da fare che di solito nessuno mi pare abbia preso nella debita considerazione e cioè che tra il 99 e più % e il 100%, in questo piccolissimo intervallo, c’è una immensità enorme, dove si annida prepotentemente quel divario che separa inesorabilmente il contingente, il consolidato relativismo dal 100%, cioè un ipotetico irricevibile assoluto. In questa evidente concretezza si inseriscono, superbamente ignoranti, la ambigua operatività, il pragmatico peso delle religioni che idealizzano assurdità improponibili. Quell’assoluto, un assoluto ipotizzato dalla modesta intelligenza umana, issato come vessillo guida verso un divino proposto ad una massa convenientemente abituata ad una superficialità che si fortifica in liturgiche ritualità. La luminosa, illuminante, concretezza di questa consapevolezza subisce ripetuti costanti tentavi di neutralizzazione. I tentativi di religiosità, per le azioni  di retroguardia delle autorità vaticane sono particolarmente indigeribili dato che pervicacemente come abitudine inveterata, vedi la cocente umiliazione delle idee di Galilei e dell’eliocentrismo copernicano, conducono una azione costantemente invariata, adeguandosi mal volentieri a quelle nuove conoscenze che non sostengono ignoranti presuntuosità. La ininterrotta agitazione di questo papa che cerca di essere sempre presente da per tutto, imponendo con l’ improponibile e improbabile aiuto di uno spirito santo, costantemente, familiarmente tirato in ballo, la sua illuminata conoscenza dei voleri divini. Cerchi con autentica, personale umiltà, lontana da quella umiltà esibita, di rendersi conto che è soltanto uno dei tanti capi religiosi e non può tentare di convincerci che quello che fa e dice corrisponde al volere divino. Sospenda momentaneamente la sua febbrile attività e faccia un esame di coscienza sulla aderenza del suo operato con un equilibrato inserimento nella totalità planetaria. Una umanità che vive quotidianamente su questo pianeta, che è la propria casa e la sede delle personali attività e non può e non deve trasferire viventi realtà in un aldilà che nessuno conosce ne può tentare di conoscere. Pragmaticamente, quotidianamente impegnarsi liberi da dogmi e assurde credulità ma usando l’importantissimo libero pensare, influire positivamente in concordanza con le umane possibilità operative a ridurre squilibri e maldestre operosità. Il mio atteggiamento ad una superficiale valutazione può sembrare malevolo e arrogante. In effetti debbo sinceramente, confessare che questa mia posizione è più vicina ad una umana, dolente pietas che a una squilibrante o addirittura arrogante convinzione che potrebbe essere accostata a grave, intollerabile ingiuria. Da sempre ho cercato nelle mie riflessioni di allontanare drasticamente quel che può essere considerato ingiurioso. Quanto detto non mi esime dall’esporre drasticamente quelle che modestamente giudico corrette anche se superficialmente potrebbero essere giudicate cariche di presuntuosa rigidità. Ad ogni buon conto chiedo sinceramente, umilmente perdono; collum iugo prebeo, cioè offro il collo ad un giogo che è molto soave e gratificante, tutt’altro che deprimente o che necessita di pavida obbedienza; il conseguente adeguamento sarà costantemente gioioso ed esaltante, stimolante per ulteriore coinvolgenti esaltanti esperienze. Tutto quello che ho scritto e pubblicato e ogni frase del blog posso portarla a testimonianza della continua ricerca del necessario equilibrio.

 For a couple of centuries now, the knowledge of natural laws is continuously widening and deepening. The pragmatic operation of these laws repeatedly checked and rechecked approaches and sometimes exceeds 99%, right in line with relativism now definitely operating. There is a concrete reflection to do that usually no one seems to have taken into account and that is that between 99% and 100% more, in this very small gap, there is a huge immensity, where lurks strongly that gap between the contingent inexorably, the consolidated relativism by 100%, that is a hypothetical absolute inadmissible. This apparent concreteness fit superbly ignorant, the ambiguous operation, the pragmatic weight of religions that idealize preposterous nonsense. That absolute, absolute suggested by the modest human intelligence, hoisted as a sign leading to either divine proposed to a mass conveniently used to a superficiality that is fortified in liturgical rituals. The bright, illuminating, concreteness of this knowledge undergoes constant repeated attempts neutralization. Attempts to religion, to the rearguard actions of the Vatican authorities are particularly indigestible as stubbornly as old habit, see the bitter humiliation of the ideas of Galileo and the Copernican heliocentrism, lead an action constantly unchanged, reluctantly adapting to those new knowledge who do not support ignorant presumptuousness. The continuous agitation of this pope who tries to be present everywhere, with the imposing 'impractical and unlikely help of a holy spirit, constantly, familiarly brought up, an excellent knowledge of the divine will. Circles with authentic, personal humility, far from that exhibited humility, realizing that it is only one of many religious leaders and can not groped to convince us that what he does and says corresponds to the divine will. Suspend temporarily its feverish activity and make an examination of conscience on the grip of his work with a balanced input in the whole planet. A humanity that lives every day on this planet, which is the home and headquarters of the personal activities and can not and should not be transferred into a living reality beyond that nobody knows it can groped to know. Pragmatically, daily engage free from dogmas and absurd credulity but using the all-important free thinking, positive influence in accordance with the human operative possibilities to reduce imbalances and clumsy industry. My attitude to a superficial assessment may seem malicious and arrogant. In fact I must honestly confess that my position is closer to human insulin, sore piety than a destabilizing or even arrogant belief that could be compared to severe, intolerable insult. I have always tried in my thoughts to ward off dramatically what can be considered abusive. This does not prevent me from exposing drastically those modestly judge correct although superficially might be considered presumptuous full of rigidity. In any case I sincerely ask humbly for forgiveness; collum iugo prebeo with simple humility. Everything I've written and published, and every sentence of the blog I can take her to witness the continuous search of required balance

lunedì 5 ottobre 2015


Chi comunemente chiamiamo Papa è indubbiamente il capo di una delle minoranze religiose che ignorantemente, superbamente sono convinte di essere in diretto contatto con la unica eterna immensità. Queste convinzioni sono nate e consolidate nella inconsapevole ed improponibile conoscenza in cui guazzava l’antropocentrismo. Oggi, dopo la determinante perturbatrice rivoluzione copernicana, chi non si rende conto di questa relativa configurazione realistica, o utilizza la ridotta intelligenza umana in maniera deleteria o il personale corredo cognitivo denuncia delle gravi deficienze.Tirare in ballo l’aiuto un non meglio conosciuto spirito santo, una terza persona, una entità, successivamente nata non consolida il granitico monoteismo ebraico. Evidente che il significato di rattoppo che si può attribuire a quanto detto, disturba notevolmente il libero dono del libero pensare che aborre dogmi e certezze assolute. Questa improponibile e aberrante convinzione da un po di tempo a questa parte agita freneticamente la vita del Papa, le oceaniche manifestazioni di simpatia e convenienti adeguamenti politici aggiungono poco o addirittura annullano semplici concretezze. È evidente l’intento promozionale di dimostrare a tutti la “assoluta” superiorità del cattolicesimo. Per non velare ulteriormente la dignità e il valore di ogni singolo componente della totalità terrestre opportunamente mi fermo qui.

Che idee del divino hanno in testa capi e sotto capi delle varie religioni? 

Vistosa offensiva vaticanista. eminenti generali la guidano sotto una unica bandiera su cui è scritto UBRIS
                     IMAGINATIVE BELIEFS

Who commonly call Pope is undoubtedly the leader of a religious minority that ignorantly superbly are convinced to be in direct contact with the sole eternal immensity. These beliefs were born and consolidated in the unconscious and impractical knowledge where guazzava anthropocentrism. Today, after the decisive disturbing Copernican revolution, those who do not realize this relative configuration realistic, or use the reduced human intelligence in a deleterious or personal kit cognitive complaint of serious deficiencies. The bring up the help of an unnamed known holy spirit, that is a third person who should consolidate monotheism, born later than the granite Jewish monotheism, greatly disturbs the free gift of free thinking that abhors dogmas and absolute certainties. This impractical and absurd belief by some time in this part frantically shake the Pope's life, the ocean displays of sympathy and affordable policy adjustments add little or even cancel simple concreteness. Clearly the intent promotional show everyone the "absolute" superiority of Catholicism. Not to veil further the dignity and value of each component of the total land properly I will stop here.

What ideas of the divine have leaders and under heads of various religions?

Showy offensive Vatican. Eminent general the drive under a unique flag on which is written UBRIS

giovedì 1 ottobre 2015

Maschio e Femmina li creò

Mi sembra opportuno riproporre un post pubblicato su questo blog in data 1 ottobre 2014 con il titolo " Maschio e Femmina li creò" :

E' ormai abbondantemente superato il tempo in cui la struttura decisionale ed amministrativa dell'organizzazione vaticana nelle sue più alte espressioni, non escludendo il conclave, avrebbe  dovuto provvedere ad immettere nella propria struttura decisionale ed operativa elementi femminili, almeno in una consistenza numerica non trascurabile.
La parte femminile che dovrebbe far parte della totalità delle quote verticistiche dovrebbe disporre, come a noi sembra altamente giusto, di potere consultivo e decisionale uguale per tutti i componenti della struttura sia uomini che donne.
Questa situazione che per noi è altamente necessaria e corretta, aldilà di quello che potrebbero tentare di contraddire quelli che vengono considerati i grandi esperti del settore, merita una profonda riflessione ed una rapidità di esecuzione.
Cercando di evitare gli inutili bla bla bla,  privi di consistenza logica che non ha una base nel comune quadro teologico, abbondantemente circolante con tutte le continue modifiche operate nei secoli dagli innumerevoli e spesso discutibili concili.

Noi tutti non dobbiamo dimenticare che queste concezioni sono nate in epoche in cui la nostra terra era considerata, per mancanza di conoscenze essenziali,  il centro dell'universo.

Il tempo che è passato, ovviamente breve non può consentire ad un organismo sostanzialmente pesante e statico come il Vaticano, di prendere nella dovuta considerazione quella proposta. Recentemente sono state espresse parole di rivalutazione del ruolo e della operatività femminile, soltanto parole però; la sostanziale posizione femminile è rimasta ancorata a posizioni di   subalternità e di un più o meno sufficiente aiuto al preponderante ruolo maschile. La distanza qualitativa e operativa tra i due ruoli è e rimane immensa; totalmente quasi offensivi gli zuccherini che dovrebbero sollecitare la rivalutazione del ruolo femminile

It seems appropriate to propose a post published on this blog on October 1, 2014 with the title "Male and female he created them":

And 'now well past the time when the decision-making structure and administrative organization the Vatican in its highest expressions, not excluding the conclave, was supposed to provide input in their own decision-making structure and operational elements female, at least contain more significant .
The female part that should be part of all units should have top-down, as it seems to us highly fair, consultative and decision-making power equal to all components of the structure both men and women.
This situation which for us is highly necessary and proper, beyond what could groped to contradict those who are considered the greatest experts of the sector, deserves a deep reflection and a speed of execution.
Trying to avoid the unnecessary blah blah blah, no logical consistency that has no basis in the common theological framework, plenty of working with all the constant changes made over the centuries by countless and often questionable councils.
We must not forget that all these concepts are born in times when our country was considered, for lack of essential knowledge, the center of the universe.

The time that has passed, short course can not allow an organism substantially heavy and static as the Vatican, to take due account of the proposal. Recently they were expressed words of appreciation of the role and operation of women, but only words; the substantial position of women has remained anchored in positions of subordination and a more or less sufficient to help predominant masculine role. The distance between the two qualitative and operational roles and is still immense; almost totally offensive zuccherini that should urge the reassessment of the role of women