martedì 22 dicembre 2015


We are all brothers? Perhaps there is something more of a brotherhood. We particles, cells of a vast, coordinated, harmonious body from which nothing can be ruled out. All biological and physical constituents of this exalted planet form a breathtaking equal, fair-minded unity. Unit for nothing broken by numerous, appropriate and valuable variety constituents. As for humanity, we see that each of us has specific characteristics that set us apart from everyone else, see for example the DNA and fingerprints. Therefore particles well differentiated but not constituting a set disconoscibile. A warm invitation to superb, unacceptable visions of the various religions always opposed, to resize the absurdities of which they are made.
It seems appropriate to add to what I said a further example of the all-encompassing planetary units; It is an intense, fervent good wishes for the coming year:
Happy New Year to all the poles and meridians that connect them, flying them equally the lands and waters of this world, concrete demonstration of total planetary units.

A proper thanks to SUN for light, heat, for all the gifts that enable life, the vitality of our world.
Readers who gratify me to read what is written, have the courtesy to not pigeonhole, catalog these reflections in partial, limited, questionable cultural schemes or unrealistic absolutism.
Again I call those who follow my thoughts to read free and freely criticize my blog

I wish the whole planet a Best New Year.
sana saiida - gelukkige nuwejaar- 
hnit thit ku mingalar pa-  
xin nièn kuai le / xin nièn hao- 
felicxan novan jaron feliæan
novan jaron-bonne année- 
selamat tahun baru- akemashite omedetô-  
kia hari te tau hou- feliz ano novo- 
С Новым Годом- feliz año nuevo- 
tashi délek

Sincerely obliged the old Carmel


Siamo tutti fratelli? Forse c'è qualcosa di più di una fratellanza. Siamo particelle, cellule di un immenso, coordinato, armonico organismo da cui nessuna parte può essere esclusa. Tutti i costituenti biologici e fisici di questo eccelso pianeta formano una strabiliante paritaria, equanime unità. Unità per nulla scomposta dalle numerosissime, opportune ed apprezzabili varietà costituenti. Per quanto riguarda l'umanità, constatiamo che ognuno di noi ha precisi connotati che ci distinguono da tutti gli altri, vedi per esempio il DNA e le impronte digitali. Pertanto particelle ben differenziate ma costituenti un insieme non disconoscibile. Un caloroso invito alle superbe, inaccettabili visioni delle varie religioni sempre contrapposte, a ridimensionare le assurdità di cui sono costituite.
Mi sembra opportuno aggiungere a quanto detto una mia ulteriore esemplificazione della totalizzante unità planetaria; è un intenso, fervido augurio per il prossimo anno:
Buon anno ai poli ed a tutti i meridiani che li collegano, sorvolando equanimamente le terre e le acque di questo mondo, concreta dimostrazione della totale unità planetaria.

Un doveroso grazie al SOLE per la luce, il calore, per tutti i doni che consentono la vita, la vitalità di questo nostro mondo.

I lettori che mi gratificano nel leggere quanto scritto, abbiano la cortesia di non incasellare, catalogare le suddette riflessioni in parziali, limitati, discutibili schemi culturali o in improponibili assolutismi.
Invito ancora coloro che seguono le mie riflessioni a leggere liberi e liberamente criticare il mio blog

Auguro a tutto il pianeta un Migliore Anno Nuovo.

I wish the whole planet a Best New Year.
sana saiida - gelukkige nuwejaar- 
hnit thit ku mingalar pa-  
xin nièn kuai le / xin nièn hao- 
felicxan novan jaron feliæan
novan jaron-bonne année- 
selamat tahun baru- akemashite omedetô-  
kia hari te tau hou- feliz ano novo- 
С Новым Годом- feliz año nuevo- 
tashi délek

Sinceramente obbligato il vecchio Carmelo

lunedì 21 dicembre 2015


...................................................................................................................................................................September 21 equinox occurs, one of the two equinoctial days of the year. It reflects on the symbolism that can have this day with his sense of fairness that entails; how come no one has thought to value the great implications of the equality between duration of day and night, the charming ideal significance for humanity that this parity brings with it; encompassing the full uniqueness that can engage the human race, celebrating it as the highest symbol of brotherhood and world peace. Not the many celebrations of holidays that affect only parts of humanity who identify with a religion, in a display of national pride and so continuing. Any festive day, in every fraction of our planet, it celebrates values ​​appreciated only by a party of people, as opposed to values ​​sometimes idealized by others. All of these situations could be considered of minimal importance when reports and communications between the various parts of the plant had little or no effect. It seems urgently needed a real unification of a number of values ​​accepted by all as common heritage, without stifling the obligatory and useful diversity. The choice of a single day of celebration for the whole human race that coincides with the equinox, could be the beginning of a turning ideal. Utopian proposal, but with the possibility of implementation within a short time; concrete and practical feasibility for men of good will, as of unification in diversity: it offers a world day festive in effect, institutionalized by all governments of the earth; a unifying day full of symbolic meanings of cohesion for all ethnic groups, religions, all cultures of the continents. The most suitable time for this celebration should coincide with one of the equinoctial days, when night and day are distributed on an equal basis two hemispheres; day- symbol of justice throughout the world. Day that has a clear natural astronomical and does not rely on historical events or ideologies that might elicit objections of various kinds. Day of celebration for humanity and for the whole environment that is the cradle and the nourishment of corporeality and ideals of every human being. A name for the aims is FEAST Equinox, to be celebrated on March 21 each year. The O.N.U. He should make his proposal and to call on all governments of Earth to ufficializzarla. For a complete unity of humanity and for the practice of cancellation absurd and artificial differences between people, with daily complications and imbalances no longer tolerable in a society already highly correlated, it would be desirable to reform the global calendar making from year zero ( or one) and starting from the spring equinox. With the hope and the hope that we can accelerate progress towards a horizon of humanity greater civility, respect and dignity for all members of the unicum that is our small, beautiful planet.

taken from Equinox edition EDAS 2003 page 125 et seq

In a tragic turn of events of this terrible period, the old idea of ​​'equinox day could be considered inappropriate and out of time.
In my opinion, the dramatic crime series of daily events, calls my view that it is necessary to try to influence as positively as possible on the horrific aspects of everyday life.
All violence, even those considered to be necessary generate, sooner or later always more violence. It would be logically, rationally appropriate to ask what may be the responsibility of our lofty Western civilization; how much influence in the criminal determinism may have developed the inhuman terrorist activity of the events of everyday life today.
The persistence unconsciously destructive exploitation of natural resources beyond their usual boundaries, leaving only local miserable crumbs as it can be decisive in the local populations of their rights to claim criminal?
It would be right and proper to recite continuous acts of sorrow on the part of all of us who belong to the so-called Western society and not react uncompounded and violent action of terrorist exalted arrogant criminals who think they are allowed to change the world according to their inhuman, anti planetary ignorance.
The utopian, dramatically utopian proposal of 'equinox day, utopian because it is the modest human intelligence for more misused that makes impossible the simple proposal. The serious impulse unconsciously, ignorantly repeated towards a continuous growth of human society, already abnormally impressive and unbalanced, the arrogant anthropocentrism that pollutes classes "cultural" promises dire consequences for future generations and for the whole planet. All this, sorrowfully, leaves no hope for a future better than the present. No grandiloquent rise of the various technicalities may not authorize hopes that fact will not have solid foundations on which to desirable improvements.
We must have the courage to try to understand as deeply as possible upon previously. I would therefore have to insist and reiterate my questionable reflections.
However laudable, efficient and necessary action of the modest human beings who propose to clean and remove necessary with proper activities dirt, filth, created by so many opinionated intellectuals and men of government and various politicians. All these people without the humble, modest and steady operation guazzerebbero in filth filthy and smelly. Few beings who consider themselves superior car for a supposed higher intelligence does not make any account of insignificance that foolishly consider depressing; aware insignificance, granite pedestal that values ​​belonging to a sublime harmonic planetary network of connections. For sore modesty staff I prefer close here.

very welcome suggestions and criticism of what is published.

UNICA, UNITARIA FESTIVITA' PLANETARIA 21 settembre si verifica l'equinozio, una delle due giornate equinoziali dell'anno. Rifletto sulla simbolicità che può avere questa giornata col suo significato di equità che comporta; come mai nessuno ha creduto di valorizzare le grandi implicazioni insite nella parità tra durata del giorno e della notte, il suggestivo significato ideale per l'umanità che detta parità porta con se; la completa totalizzante univocità che può coinvolgere il genere umano, celebrandola come massimo simbolo di fratellanza e pace mondiale. Non delle tante celebrazioni di festività che interessano soltanto parti di umanità che si riconoscono in un credo religioso, in una esibizione di orgoglio nazionale e così continuando. Qualsiasi giornata festiva, in ogni frazione del nostro pianeta, celebra valori apprezzati soltanto da una parte di persone, in contrapposizione talvolta a valori idealizzati da altri. Tutte queste situazioni potevano essere considerate di importanza minima quando i rapporti e le comunicazioni tra le varie parti del pianta erano scarse o ininfluenti. Sembra urgentemente necessaria una unificazione reale di una serie di valori accettati da tutti perché patrimonio comune, senza mortificare le doverose ed utili diversità. La scelta di una giornata celebrativa unica per tutto il genere umano che coincida con l'equinozio, potrebbe essere l'inizio di una svolta ideale. Proposta utopica ma con possibilità di realizzazione entro breve tempo; concreta e di pratica fattibilità per uomini di buona volontà, esempio di unificazione nelle diversità: si propone una giornata mondiale festiva a tutti gli effetti, istituzionalizzata da tutti i Governi della Terra; una unificante giornata carica di simbolici significati di coesione per tutte le etnie, le religioni, tutte le culture dei continenti. Il momento più adatto per questa celebrazione dovrebbe coincidere con uno dei giorni equinoziali, quando la notte e il giorno si distribuiscono paritariamente sui due emisferi; giorno- simbolo di equità per tutto il mondo. Giornata che ha una sua nitida naturalità astronomica e non si appoggia ad eventi storici o ideologie che potrebbero suscitare obiezioni di varia natura. Giorno di festa per l'umanità e per tutto l'ambiente che è la culla ed il nutrimento della corporalità e degli ideali di ogni essere umano. Il nome da dare si propone sia FESTA DELL'EQUINOZIO, da celebrare il 21 marzo di ogni anno. L'O.N.U. dovrebbe fare sua la proposta ed invitare tutti i Governi della Terra ad ufficializzarla. Per una completa unità dell'Umanità e per la pratica cancellazione di assurde ed artificiose differenze tra i popoli, con complicazioni quotidiane e disequilibri non più sopportabili in una società già molto correlata, sarebbe auspicabile una riforma mondiale del calendario facendolo partire da un anno zero (o uno) e che inizia dall'equinozio di primavera. Con l'augurio e la speranza che si possa accelerare il cammino dell'Umanità verso un orizzonte di maggiore civiltà, rispetto e dignità per tutti i componenti di quell'unicum che è il nostro piccolo, meraviglioso Pianeta.

tratto da Equinozio edizione EDAS 2003 pag 125 e seguenti

Nel tragico susseguirsi degli eventi terribili di quest'ultimo periodo, la vecchia proposta dell' equinox day potrebbe essere considerata inopportuna e fuori tempo.
A parer mio, il drammatico, criminale susseguirsi di eventi quotidiani, sollecita la mia considerazione che sia necessario cercare di influire il più positivamente possibile sugli aspetti terribili della quotidianità.
Tutte le violenze, anche quelle giudicate necessarie genereranno, sempre prima o poi altra violenza. Sarebbe logicamente, razionalmente opportuno chiedersi quali possano essere le responsabilità della nostra eccelsa civiltà occidentale; quanta influenza in quel criminale determinismo possa aver sviluppato la disumana attività terroristica degli eventi della quotidianità attuale.
Il persistere inconsciamente nello sfruttamento distruttivo di risorse naturali al di fuori dei propri confini abituali, lasciando ai locali soltanto miserevoli briciole quanto  può essere determinante nelle popolazioni locali la rivendicazione criminale dei propri diritti?
Sarebbe giusto e opportuno recitare continui atti di dolore da parte di noi tutti che apparteniamo alla cosi detta società occidentale e non reagire in maniera incomposta e violenta all'azione terroristica di esaltati superbi criminali che si credono autorizzati a cambiare il mondo secondo la loro disumana, anti planetaria ignoranza.
L’utopica, drammaticamente utopica proposta dell' equinox day, utopica perché è la modesta intelligenza umana per di più mal utilizzata che rende impossibile quella semplice proposta. Il gravissimo impulso incoscientemente, ignorantemente  ripetuto verso una continua crescita della umana società, già abnormemente imponente e squilibrata, l’arrogante antropocentrismo che inquina le classi”culturali”prospetta gravissime conseguenze per le future generazioni e per la totalità planetaria. Tutto questo, dolentemente, non lascia sperare un futuro migliore del presente. Nessun magniloquente incremento dei vari tecnicismi non potrà autorizzare speranze che di fatto non avranno concrete basi su cui impostare auspicabili miglioramenti.   
Bisogna avere il coraggio di cercare di capire il più profondamente possibile quanto precedentemente detto. Mi sento pertanto in dover insistere e reiterare le mie discutibili riflessioni.
Quanto lodevole, efficiente e necessaria l’azione di quei modesti esseri umani che si propongono di pulire e eliminare con necessaria corretta attività lo sporco, le lordure, create da tanti supponenti intellettuali nonché uomini di governo e politici vari. Tutto costoro senza quella umile, modesta e costante operatività guazzerebbero in lordure schifose e maleodoranti. Pochi esseri che si auto considerano superiori per una supposta maggiore intelligenza non si rendono minimamente conto della insignificanza che stupidamente considerano deprimente; consapevole insignificanza, granitico piedistallo che valorizza l’appartenenza planetaria ad un eccelsa armonica rete di connessioni.              Per dolente pudore personale preferisco chiudere qui.

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato.

mercoledì 9 dicembre 2015


I feel a deep, intimate sense of mercy toward myself, to the natural limitations of shortcomings as well as the many more or less conscious mistakes that can punctuate the life of each of us, insignificant beings umani.Semplicemente useless from a logical point of view, rational and theological pietire mercy from an eternal immensity that we can not know because of the immeasurable distance; distance that can not be reduced by the intervention of imaginative angelic beings or real people hired to act as mediators, prophets etc. Imaginative mass mediological exaltation of unnecessary holy doors;
Concretely useful ineliminable the door that leads into a place where you can freely exercise naturally unavoidable natural functions. The nature of most of the animal species, including humans, requires the periodic removal of the contents of the ampoule rectal and bladder, precise unequivocal signs of life, life that involves taking too much food, water and atmospheric oxygen. And adequate periods of rest and sleep.Avoid carefully to approach an area that requires deep delicacy, careful caution behavior of inner freedom that demand the highest privacy.

It seems to me that these simple and incontrovertible exposure can not find a logical rational criticism. It is simply unacceptable that everything knowable and the existing planetarium, is a harmonic exciting network of connections that go far beyond fancy (this not to offend) buildings which could be accepted the ignorant period geo - anthropocentric, that stemmed from ignorance impossibility of knowing anything beyond the immediate human perception. Today we have valid and concrete possibilities that allow us to put in a neat file that had been designed and built when the man himself as the king of a small universe and impossible image of the deity. The enhanced super jubilee has a validity that involves only a minority of humanity. Drastic synthesis: some mandatory conscious humility.

God's mercy. Watch your hectic superb activism Bergoglio, illuminated

Religions are grown in ignorance geocentrism. light heliocentric gives proper light to dispel the darkness previous

Humanity part on the planet. Anthropocentrism superb instability. proud ignorance

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Provo un profondo, intimo senso di misericordia verso me stesso, per le naturali limitazioni di insufficienze nonché per i numerosi più o meno coscienti errori che possono costellare la vita di ognuno di noi, insignificanti esseri umani.Semplicemente inutile da un punto di vista logico, razionale e teologico pietire misericordia da una eterna immensità che non possiamo conoscere data l'incommensurabile distanza; distanza che non può essere ridotta dall'intervento di fantasiosi esseri angelici o concrete persone assunti a ruolo di mediatori, profeti ecc. Fantasiosa mass mediologica esaltazione di inutili porte sante.
Concretamente utile ineliminabile la porta che immette in un locale dove si possa liberamente, naturalmente esercitare ineliminabili funzioni naturali. La naturalità della massima parte delle razze animali, uomo compreso, esige la periodica eliminazione del contenuto della ampolla rettale e della vescica, precisi inequivocabili segni di vita, vita che comporta  decisamente anche l'assunzione di cibo, acqua e ossigeno atmosferico. Nonché adeguati periodi di riposo e sonno. Evito accuratamente di avvicinarmi a un territorio che esige profonda delicatezza, attenta cautela per comportamenti di intima libertà che esigono il massimo di riservatezza.

Mi sembra che queste semplici e incontrovertibili esposizioni non possono trovare critiche logico razionali. È semplicemente conoscibile e ammissibile che tutto l’esistente planetario, è una armonica esaltante rete di connessioni che vanno ben al di là di fantasiose (questo per non offendere) costruzioni che potevano essere accettate nell’ ignorante periodo geo - antropocentrico, ignoranza che derivava dalla impossibilità di conoscere qualcosa che andasse oltre l’immediata percezione umana. Oggi abbiamo possibilità valide e concrete che ci permettono di mettere in un ordinato archivio ciò che era stato pensato e costruito quando l’uomo si considerava il re di un piccolissimo universo e improponibile immagine della divinità. Il super esaltato giubileo ha una validità che coinvolge soltanto una minoranza della umanità. Drastica sintesi: un pò di obbligatoria consapevole umiltà . 

Signore misericordia. Modera il frenetico superbo attivismo di Bergoglio, illuminalo!!

papa Francesco grande capo di una indubbia minoranza religiosa. Un po di autentica umiltà per favore!

Le religioni sono cresciute nell' ignoranza geocentrica.L'illuminazione eliocentrica dona la giusta luce per diradare le precedenti oscurità

Umanità parte del pianeta.Antropocentrismo superba improponibilità.Orgogliosa ignoranza

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato.

venerdì 4 dicembre 2015


All the prayers, the praise, the rituals, any personal sacrifices that you can practice, of course, add nothing to the majesty of God and the recognition of his omnipotence; They are human manifestations that are being promoted in order to increase and consolidate the interests of those who do good and bad weather, events and especially the deity does not need. What to think of all the empyrean Catholic with all the various subdivisions of angels, the saints, the servants of God bureaucratic hierarchies, not forgetting the various devils with anxieties that generate; the Christian Middle Ages in particular conveys images of fear and absurd malice. Always terrible messages that come from other religions, other fundamentalisms, messages of inhumanity that makes it dramatically incomprehensible positions and rational integrity of a huge number, painfully too big of human beings who can not break free from a credulity that there sad, a credulity that is based on concepts that would drop to life-giving breath of a simple but rigorous disheartened accepted with intellectual honesty, elastically, dynamically lively. It has never been easy or possible to effectively counter the huge negative influence of the coalition that amalgam perversely the various powers, which artificially raises the phony image of many so-called authorities always surrounded by considerable material goods; the true authority, it would be more correct to call authoritative, it shuns arrogance more or less veiled and cloaked in a simple humility that expresses the deep conviction of his own human limitations and considering the amount of billions of humans. We admire and value, without emphasizing, the positive qualities of those people, few unfortunately, that with dedication, sacrifice, elastically critical intelligence, endeavor to increase the essential really great values ​​that make up the distinctive and authentic heritage site. Disertiamo the huge gatherings, large political rallies and religious attempt to plagiarism listen severely critical certain invitations and exhortations that they want to lose sight of specific facts, not rimandabili priorities; build individually, personally, with pride tempered by humility, the majestic edifice of our inner dignity, not forgetting to adapt and enter the building in the composite reality of this planet, to be harmonized with the reality of the universe. Unachievable sogno- pure follia- visionary utopia. Since the dawn of time every human group, every ethnic group in any part of this world lived was created signs, symbols that they were individually and they would be distinguished from the others; This activity has been passed without interruption to this day. The symbol, the logo, the brand, the flag invade all human activity, from the most commercial and market the highest expression of religions and ideologies. The numbers of symbols that arise, even if we make a concise historical background; the Roman eagles, signs of Mithra, the beam, the swastika, the signs of the political parties, the bull and the bear bag the prancing horse of Ferrari and it could continue for several thousands more. Every symbol, every sign draws attention definite that you should attach great importance to a clear identification and a well-efficient approach towards the group that comes up with that image; all perfectly acceptable if applied to commercial activities. When applied to an ideology that wants to be highly representative we will begin to cause any adverse effects. The desire to emphasize, highlight the merits that the symbol has accumulated, deliberately forgetting the various demerits that would surely have been the outline is not worthy of men who would try, like everyone else, the truth and justice, dignity and that of others which should enrich the intellectual gifts and not impoverish mortifying with attitudes that can be accepted by a minority, to be addressed only in a lighted world living in darkness. You may have high noble ideals outside of any religious organization, saints "lay"; some names of exemplary humanity: Gandhi, Dunant, Schweitzer, R. Menchú. Conversely large, the greatest saints can express concepts, mindset impossible to share (v. 1 Peter 2:13 and St.-2nd St. Peter 3, 1 ff - Paul to the Romans 13, 1 and s. - Paul 1 Corinthians 7.4 ...). For many reasons, not least that the opportunity would be right to say nothing of the Christian roots of Europe; Christian roots too often they did germinate and grow many plants and many bad impressions to accept and admire. I'm not certain memories to bring out those related to the Crusades, the transplantation of the Christian roots in Central and South America with the inhuman and despicable evangelization at the expense of pre Colombian civilizations; the temporal power of the popes who like the sword to the charity and the terrorist action of the Inquisition that hypocritically put in the hands of justice secular life of the numerous investigated. Forget for Christian charity!

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Tutte le preghiere, le lodi , i riti, gli eventuali personali sacrifici che si possono praticare, ovviamente, non aggiungono nulla alla maestà divina ed al riconoscimento della sua onnipotenza; sono manifestazioni umane che vengono promosse al fine di incrementare e consolidare interessi di coloro che fanno il buono e il cattivo tempo, manifestazioni di cui la divinità non ha certo bisogno. Cosa pensare di tutto l’empireo cattolico con tutte le varie suddivisioni angeliche, con i santi, servi di Dio gerarchie burocratiche, non dimenticando i vari diavoli con le angosce che generano; il medioevo cristiano in particolare ci trasmette immagini di paura e assurda cattiveria. Sempre terribili i messaggi che provengono da altre religioni, da altri integralismi, messaggi di una disumanità che rende drammaticamente incomprensibile le posizioni e l’integrità razionale di un enorme numero, dolorosamente troppo grande di esseri umani che non riescono a svincolarsi da una credulità che ci intristisce, una credulità che si basa su concetti che crollerebbero al vivificante soffio di una semplice ma rigorosa disanima accettata con onestà intellettuale, elasticamente, dinamicamente vivace. Non è mai stato facile o efficacemente possibile contrastare l’enorme influenza negativa della coalizione che amalgama perversamente i vari poteri, che artatamente innalza l’immagine fasulla di tante così dette autorità sempre contornate da notevoli beni materiali; la vera autorità, che sarebbe più corretto chiamare autorevolezza, rifugge dalla superbia più o meno velata e si ammanta di una semplice umiltà che esprime l’intima convinzione della propria limitatezza umana e si considera alla pari di altri miliardi di umani. Ammiriamo e stimiamo, senza enfatizzare, le doti positive di quelle persone, poche purtroppo, che con abnegazione, sacrificio, elasticamente critica intelligenza, si adoperano veramente a incrementare gli essenziali grandi valori che costituiscono il caratterizzante e autentico patrimonio dell’umanità. Disertiamo le adunate oceaniche, i grandi raduni politici e religiosi, tentativo di plagio ascoltiamo severamente critici certi inviti ed esortazioni che vogliono far perdere di vista precisi fatti concreti, priorità non rimandabili; costruiamo singolarmente, personalmente, con orgoglio mitigato da umiltà, il maestoso edificio della nostra intima dignità, non dimenticando di adattare e inserire l’edificio nella composita realtà di questo pianeta, da armonizzare con la realtà dell’universo. Irrealizzabile sogno- pura follia- visionaria utopia. Fin dalla notte dei tempi ogni gruppo umano, ogni etnia, in qualsiasi parte di questo mondo vivesse si creava dei segni, dei simboli che li identificassero  e li distinguessero dagli altri; Questa attività si è tramandata ininterrottamente fino ai nostri giorni. Il simbolo, il logo, il marchio, la bandiera invadono tutta l’attività umana, da quella più commerciale e di mercato alla più alta espressione di religioni e ideologie. Sono numerosissimi i simboli che si presentano, anche se facciamo una stringata carrellata storica; le aquile romane, le insegne di Mithra, il fascio, la svastica, i segni dei partiti politici, il toro e l’orsa della borsa il cavallino rampante della Ferrari e si potrebbe continuare per diverse migliaia ancora.  Ogni simbolo, ogni segno richiama un’attenzione ben precisa a cui si dovrebbe attribuire importanza notevole per una chiara identificazione e per un approccio ben efficiente verso il gruppo che si presenta con quella immagine; tutto perfettamente accettabile se applicato all’attività commerciale. Quando la si applica ad una ideologia che voglia essere altamente rappresentativa si cominciamo a verificare effetti negativi. Il voler enfatizzare, evidenziare i meriti che il simbolo ha accumulato, dimenticando volutamente i vari demeriti che sicuramente ne sono stati il contorno, non è degno di uomini che dovrebbero cercare, come tutti, la verità e la giustizia, la dignità propria e degli altri che dovrebbero arricchire le doti intellettive non impoverirle e mortificarle con atteggiamenti che possono essere accettati da una minoranza, indirizzata a sentirsi unica illuminata in un mondo che vive nelle tenebre. Si possono avere alti nobilissimi ideali al di fuori da qualsiasi organizzazione religiosa, santi “laici”; qualche nome di esemplare umanità: Gandhi, Dunant, Schweitzer, R. Menchù. Al contrario grandi, grandissimi santi possono esprimere concetti, mentalità impossibili da condividere (v. 1°S.Pietro 2,13 e s.-2° S. Pietro 3, 1 e seg - Paolo ai Romani 13, 1 e s. - Paolo 1° Corinzi 7,4…). Per molti motivi, non ultimo quello dell’opportunità sarebbe il caso di non parlare di radici cristiane dell’Europa; le radici cristiane troppo spesso hanno fatto germogliare  e crescere tante male piante e tante impronte da accettare e ammirare. Non sono certo ricordi da far affiorare quelli legati alle crociate, al trapianto di radici cristiane in centro e sudamerica con la disumana e ignobile evangelizzazione  a danno delle civiltà pre colombiane; il potere temporale di quei papi che hanno preferito la spada alla carità e la terroristica azione dell’inquisizione che ipocritamente metteva nelle mani della giustizia profana la vita dei numerosissimi inquisiti. Lasciamo perdere per carità cristiana!

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato.



Every human being must find in the depths of his being, in the great divine gift of intelligence and rationality, the strength to cut through the fog of the so-called faith, conveniently uncritical acceptance of truths that are not reflected in the facts, facts that do emphasize the impossibility really concrete stories and beliefs that have occurred as obstinately, obsessively us is anxious to have us believe; the "holy" ignorance telling us about events and sub construction is proving, with the progress of real knowledge, real ignorance and arrogance is certainly groped laboriously to come as close as possible to the truth. You should consider the serious pride autoconsiderarsi worthy of the world embodying the divine image (certain realities may not like). We should recognize the existence of a deep relationship based not querulous demands, to offer unnecessary, barbaric in eating of sacrificial lambs, but intense though learn sympathy, although unbalanced mutual love relationship, immediately and without unnecessary intermediaries, presence mystically encompassing the sacred human materiality, infinitesimal part of the divine santità..mein ist Himmel und Erde an meinen Werken kennst du mich (C.Furchtegott Gellert). Study, interpret, describe today the immense complex of reality you can not do it just intuitively as you have always done in the millennia we have behind; intuition, the great human intelligence is unfortunately dramatically limited. This finding incontrovertible spreads a feeling of great humility and proud arrogance of certain considerations that have fueled the minds of a large number of philosophers and theologians. Human intuition is good only for understanding a world seen in only three dimensions, in a time which flows only in a certain way, with no possibility of being able to intuitively merge the two concepts of space and time to cement them as a whole. This our natural inability put us very often to commit serious errors of interpretation, to deduct a number of concepts that are difficult to match with the facts on the ground; rigorous studies, in the depths of the facts of nature, marked by mathematical parameters of high verifiability, have taught us that our thought patterns do not allow us to validate concepts that can be considered in this light fossils of rationality. It is to be completely blind and arrogant to think that human rationality is the highest degree of the possibilities of the universe; we can not imagine any way the possible realities that are out of our land; Let us realize that humanity is the highest possible in our world. Any true and rigorous study, whatever his field of study, can not afford not to know, beyond the chapters in his field, at least the most basic acquisitions of pure science, astronomy and cosmology, in order to avoid gross errors perspective, even if the reality that surrounds us physically is of enormous complexity and ongoing acquisitions pose more questions than they give answers. A theologian friend watched and weighed a large stone and reflected whereas that stone existed because a human being, thinking, intelligence, the soul of the world deigned to form the idea of ​​his existence; it should be noted that the theologian in question with all his intelligence, with all studies that had formed his knowledge, he had no knowledge of the intimate, physical essence of stone, and for the deeper nature, which could not be perceived intuitively because this intuition could not get to the essence of that insignificant stone, the immense extension of the internal void, the swirling motion of particles inside; in summary a very serious aberration from simple ignorance. This is essentially the position of studies that are included in the great melting pot of theology. The religious problem can be understood in two extremes impossible to meet; on the one hand the so-called atheists, accompanied by those who consider the issue religious something that does not concern them, something which should be applied to the religious profession. Other practitioners, those who have faith, with the full range of positions that range integralism inhumane to lukewarm continues ......


Ogni essere umano deve trovare nella profondità del suo essere, nel grandissimo dono divino dell’intelligenza e razionalità, la forza di diradare la nebbia della così detta fede, l’accettazione comodamente acritica di verità che non trovano alcun riscontro nei fatti, fatti che fanno risaltare l’impossibilità realmente concreta che racconti e credenze si siano verificati come pervicacemente , ossessivamente ci si affanna a farci credere; la “santa “ignoranza che ci raccontava eventi e relative sub costruzioni si sta dimostrando, con il progredire delle conoscenze reali, autentica ignoranza e non è certamente superbia tentare faticosamente di avvicinarci quanto più possibile alla verità. Si dovrebbe ritenere gravissima superbia l’autoconsiderarsi degni di essere al mondo incarnando l’immagine divina (certe realtà possono non piacere). Dovremmo riconoscere l’esistenza di un profondo rapporto improntato non a querule richieste, ad inutili offerte, a barbarico cibarsi di agnelli sacrificali, ma intensa anche se impari simpatia, scambievole anche se squilibrato rapporto d’amore, immediata e senza intermediari superflui, presenza misticamente totalizzante la sacra materialità umana, infinitesima parte della divina santità..mein ist Himmel und Erde an meinen Werken kennst du mich (C.Furchtegott Gellert). Studiare, interpretare , descrivere oggi l’immenso complesso della realtà non è possibile farlo soltanto intuitivamente come si è sempre fatto nei millenni che abbiamo alle spalle; l’intuizione, la grande intelligenza umana è purtroppo drammaticamente limitata. Questa constatazione incontrovertibile stende una sensazione di grande umiltà su certe arroganze ed orgogliose considerazioni che hanno alimentato le menti di un alto numero di filosofi e teologi. L’intuizione umana può servire soltanto per comprendere un mondo visto in sole tre dimensioni, in un tempo che scorre solo in certo modo, senza nessuna possibilità di riuscire a fondere intuitivamente i due concetti di spazio e tempo per cementarli come un tutt’uno. Questa nostra naturale incapacità ci ha messo molto spesso a commettere gravi errori di interpretazione, di dedurre una serie di concetti che è difficile far combaciare con i dati di fatto reali; i rigorosi studi, nel profondo dei fatti naturali, marchiati dai parametri matematici di altissima verificabilità, ci hanno insegnato che i nostri schemi mentali non ci consentono di convalidare concetti che in questa luce possono considerare fossili di razionalità. È da superbi e ciechi totali pensare che la razionalità umana sia ai massimi gradi delle possibilità dell’universo; non  possiamo minimamente immaginare le possibili realtà che sono fuori della nostra Terra; rendiamoci conto che l’umanità è il massimo possibile nel nostro mondo. Qualsiasi vero e rigoroso studio, qualunque sia il suo campo di studi, non può permettersi di non conoscere, oltre i capitoli del suo settore, almeno le più elementari acquisizioni della scienza pura, dell’astronomia e cosmologia, al fine di evitare grossolani errori di prospettiva, anche se la realtà che fisicamente ci circonda è di una complessità enorme e le continue acquisizioni pongono più domande rispetto alle risposte che danno. Un amico teologo osservava e soppesava una grossa pietra e rifletteva considerando che quella pietra esisteva perché un essere umano, il pensiero, l’intelligenza, l’anima del mondo si degnava di formare l’idea della sua esistenza; bisogna osservare che il teologo in questione con tutta la sua intelligenza, con tutti gli studi che avevano formato il suo sapere, non aveva la minima conoscenza della intima, fisica essenza della pietra, sia per la natura più profonda, che non poteva essere percepita intuitivamente, perché questo intuito non poteva arrivare all’essenza di quell’insignificante pietra, l’immensa estensione del vuoto interno, il vorticoso moto delle particelle interne; in sintesi una gravissima aberrazione da semplice ignoranza. È questa sostanzialmente la posizione di studi che sono compresi nel grande calderone della teologia. Il problema religioso si può comprendere tra due estremi di impossibile incontro; da una parte i così detti atei, accompagnati da quelli che considerano la problematica religiosa qualcosa che non li riguarda, qualcosa di cui si debbano interessare i religiosi di professione. Dall’altra i praticanti,  coloro che hanno fede, con tutta la gamma di posizioni cha vanno dall’integralismo più disumano alla tiepidezza......continua


giovedì 3 dicembre 2015


The primitive basis of everything develops from the pages of Genesis; the creation of Adam, the fault committed by disobeying on God, the transmission of the blame to his descendants, then all of us, and the forgiveness of sin with the killing and bloodshed of the sacrificial lamb, which by necessity of things must have the human and divine nature inseparably united, man his mother's side, for God the Father; the limited human mind is unable to imagine how the divine omnipotence would be explicated in the opposite case, that is, man to his father's side, God on his mother. In this framework (male) you can find consistency in view of time, when knowledge of facts on the ground was sufficiently problematic; the practice of animal sacrifices and even human trafficking was widespread, and God was appeased in his wrath, for the alleged insult received, with the offering of sacrifice in his honor and in recognition of his power; simply consistent that logic. All this was part of a Ptolemaic conception of which placed the Earth at the center of the universe and the center of divine love. Are many considerations that can develop from the above; no need to build superstructures. Knowledge of facts, observations repeatedly and strictly controlled, (sometimes ob twisted neck) leads us to consider the inspired Truth narrated in Genesis without feedback. If we consider them as legendary construction of a reality of difficult knowledge they deserve a total, welcome appreciation, not more, unfortunately. Similar legends, however, are present in all civilizations that attempt to systematize in the best way possible to a time when a serious lack of knowledge made it impossible to proceed on less evanescent. The biblical God, to each other, is a god Middle East, that "ignore" it can be extended over the world, who has not yet "discovered" America and this leads him to unload on the people who have " created "on the shoulders of a few, the enormous weight" blast "a sin incomprehensible, morally unjust, which contradicts divine qualities, which nullify the free personal responsibility. There paleoantropolici tell us that they know where to place Adam; we must place it between Homo habilis and erectus, or between Neanderthals and Homo sapiens? Humanity today comes from all over a single strain (Adam?) Or there are diversions, detours previous Adam? If that were a part of humanity (the Australian Aborigines?) Would be free from original sin; a great foundation for building falters crumbly. The theologians, the great exegetes, the inspired religious convince us with rigor and consistency on the validity of an indispensable basis, not waste time talking to us about what is simply the next. Perplexed reflections,heavy doubts, simple to difficult questions, correct answers. A large part of the disasters that humanity has suffered throughout human history can be attributed to religion, the idea that men, human society has assigned to the gods; the idea, very often, was the support that the complex of the various powers has developed to preserve and increase the power already possessed, thereby robbing the dignity of the individual and the fundamental human rights. The key point of all religions and fundamentally negative systematized is definitely the opposition; every believer by the mere fact that a religious belief, whatever it may be, is at odds with those who have different beliefs and this necessity engenders intolerance, even if only psychological; the hypocritical veils of love, fraternity and other similar good feelings do not detract from the seriousness of the conflict. The tolerance is expressed in words he has something subtly superb, intimate attitude of false understanding. It is to accept the more fully the possibility that there is a supreme being who created, "evolutionary" ordered the universe in which we participate and other possible universes from the "infinite" possibility Explanatory time "eternal", a time which already existed before super mentioned Big Bang; a history of space - time, matter -energy that you begin to see some little light. The image of this supreme being gives us every religion is humanly small, limited, partial, unacceptable and because distant from what should be the very essence of divinity, is actually a blasphemous substitute; an idea that could be framed, and with difficulty, in a Ptolemaic cosmology. The idea is all the more blasphemous if it relates to the use of the image that the various powers coalesced and users make...continues


La base primigenia di tutto si sviluppa dalle pagine della Genesi; la creazione di Adamo, la colpa commessa disubbidendo agli ordini divini, la trasmissione della colpa alla sua discendenza, quindi a tutti noi, nonché la remissione della colpa con l’uccisione e spargimento di sangue dell’agnello sacrificale, il quale per necessità di cose deve avere la natura umana e divina indissolubilmente unite, uomo per parte di madre, Dio per parte di padre; la limitata intelligenza umana è incapace di immaginare come l’onnipotenza divina si sarebbe esplicata nel caso inverso,cioè uomo per parte di padre, Dio per parte di madre. In questo quadro (maschilista) si può trovare coerenza nella visione del tempo, quando la conoscenza di dati di fatto reali era sufficientemente problematica; la pratica dei sacrifici animali ed anche di esseri umani era diffusissima ed il dio veniva placato nel suo furore, per il presunto insulto ricevuto, con l’offerta del sacrificio in suo onore ed in segno di riconoscimento della sua potenza; semplicemente coerente in quella logica. Il tutto si inquadrava in una concezione di tipo tolemaico che poneva la Terra al centro dell’universo ed al centro dell’amore divino. Sono moltissime le considerazioni che si possono sviluppare da quanto detto; non c’è bisogno di costruire sovrastrutture. La conoscenza di fatti, di osservazioni ripetutamente e rigorosamente controllate, (talvolta ob torto collo) ci porta a considerare le ispirate Verità narrate nella genesi prive di riscontro. Se le consideriamo come costruzioni leggendarie di una realtà di difficile conoscenza meritano un totale, gradito apprezzamento, non di più purtroppo. Leggende similari, d’altronde , sono presenti in tutte le civiltà che tentano di sistematizzare nel migliore dei modi possibile un tempo in cui una grave carenza di conoscenze rendeva impossibile procedere su basi meno evanescenti. Il dio biblico, far l’altro, è un dio medio-orientale, che “ignora “ quanto può essere esteso il mondo, che non ha ancora “scoperto” l’America e questo lo porta a scaricare su quel popolo che lo ha “creato”, sulle spalle di pochi, l’enorme peso “staminale” di un peccato incomprensibile,moralmente ingiusto, che contraddice qualità divine, che annullano la libera responsabilità personale. Esistono paleoantropolici che sappiano dirci dove collocare Adamo; dobbiamo collocarlo tra l’homo habilis e l’erectus, oppure tra i neandertaliani e l’homo sapiens? L’umanità di oggi deriva da tutto un unico ceppo (Adamo?) o vi sono derivazioni, deviazioni precedenti Adamo? Se così fosse una parte di umanità (gli aborigeni australiani?) sarebbe esente dal peccato originale; una grande costruzione vacilla per basi friabili. I teologi, i grandi esegeti, gli ispirati religiosi ci convincano con rigore sulla consistenza e validità di una indispensabile base, non perdano tempo a parlarci di quello che è semplicemente successivo. Perplesse riflessioni, gravosi dubbi, domande semplici per difficili, corrette risposte. Una gran parte dei disastri che l’umanità ha subito nel corso della storia umana è da attribuire alle religioni, all’idea che gli uomini, la società umana ha attribuito alla divinità; l’idea, spessissimo, è stata il supporto che il complesso dei vari poteri ha sviluppato per conservare ed incrementare  il potere già posseduto, con ciò depredando la dignità del singolo ed i diritti fondamentali umani. Il punto fondamentale e fondamentalmente negativo di ogni religione sistematizzata è sicuramente la contrapposizione ; ogni credente per il solo fatto che ha un credo religioso, qualunque possa essere, si pone in contrasto con chi ha un credo diverso e questo per necessità di cose genera intolleranza, anche se solo psicologica; le ipocrite velature di amore, fraternità ed altri simili buoni sentimenti nulla tolgono alla gravità della contrapposizione. La tolleranza che viene espressa a parole ha qualcosa di subdolamente superbo, un intimo atteggiamento di falsa comprensione. È da accettare nella maniera più piena la possibilità che esista un ente supremo che ha creato, “evolutivamente” ordinato l’universo di cui facciamo parte ed i possibili altri universi dalle “infinite” eventualità esplicative del tempo “eterno”, un tempo esistente già prima del super citato Big Bang; un passato di spazio – tempo, materia –energia di cui si incomincia ad intravedere  qualche piccola luce. L’immagine che di questo ente supremo ci dà ogni religione è umanamente piccola, ridotta, parziale, inaccettabile e perché lontanissima da quella che dovrebbe essere la vera essenza della divinità, è in effetti un blasfemo surrogato; un’idea che poteva essere inquadrata, e con difficoltà, in una concezione cosmologica tolemaica. L’idea è tanto più blasfema se si rapporta all’uso che dell’immagine i vari poteri coalizzati e fruitori ne fanno....continua 


The account of the trip to Africa made by Bergoglio exposed hearing on December 2, he has given me a sacred revolt. Many of the things he said, deserve to be drastically challenged one by one; respect for those who have heard his words mitigates the scorching pain that attacked me and continues to trouble me. How can the leader of a religious minority, although superficially contained very clear minority can afford to speak and express an exegesis of an eternal divine immensity immeasurably distant from creatures; the distance that can not be reduced logically, rationally and theologically by angelic intervention, prophets and so on. What is more there is to say that religions, including Christian, have been developed, built, the ignorant superb period geocentric and this can justify many imaginative constructions. The Copernican revolution largely unknown and perhaps deliberately, inexorably erased ancestral fantasies; human intelligence, poor and modest despite numerous attempts to exaltation, is supposed to join the free thought that horror of absolute certainties, become aware of a cosmological reality that can not be brushed aside.

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Il resoconto del viaggio in Africa compiuto da Bergoglio esposto nell'udienza del 2 dicembre, ha suscitato in me una sacrosanta rivolta. Molte delle cose che ha detto, meriterebbero essere contestate drasticamente una per una; il rispetto per coloro che hanno ascoltato le sue parole mitiga il cocente dolore che mi ha assalito e continua a turbarmi. Come è possibile che il capo di una minoranza religiosa, minoranza nettissima anche se superficialmente contenuta può permettersi di parlare ed esprimere una esegesi di una eterna divina immensità incommensurabilmente lontana dalle creature; lontananza che non può essere ridotta logicamente, razionalmente e teologicamente da interventi angelici, profeti e così via. Per di più c'è da dire che le religioni, compresa quella cristiana, sono state elaborate, costruite, nell'ignorante superbo periodo geocentrico e questo può giustificare molte fantasiose costruzioni.
La rivoluzione Copernicana ampiamente e forse volutamente sconosciuta, ha cancellato inesorabilmente ancestrali fantasie; l'intelligenza umana, povera e modesta nonostante numerosi tentativi di esaltazione, dovrebbe per aderire al libero pensiero che ha orrore delle certezze assolute, prendere consapevolezza di una realtà cosmologica che non può essere messa da parte.

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato.

mercoledì 2 dicembre 2015


Taken from the "autumnal equinox" Edas 2004 page 41 and following

Religions have fundamental importance in determining the status of certain mental and social; often liquid argument by noting that the problem is with the conscience of the individual, his freedom of judgment and the final acceptance of one faith. Way of thinking perfectly acceptable but that minimizes the demanding responsibility that everyone has to try to understand, to distinguish between right and wrong; is a behavior from ostrich to avoid annoying exhibitions and judgments unpleasant. Unfortunately, between the religious yearning and the relationship with the Supreme Being we fit various intermediaries seeking to orient according to their "inspired" judgment the obvious human impulse towards an innate need for clear knowledge that goes beyond the limited personal possibilities. How deeply negative interference of the large amount of people who are powerful hierarchies that, in the most important and popular religions, driving virtually uncontradicted, remarkable aspects of the intimate life and social behavior of large masses of people? The certainties that try to instill what can be considered rightly shared? How true are the truths that are considered custodians? The truth often in irreconcilable conflict with other truths vetustamente uncontrollable, without consistency with successive elementary acquisitions, before even conceivable, may be accepted only by faith? What value and what meaning to certain religious events organized or spontaneous techniques of great showmanship? A religious event that becomes the religious show, even for blatant and sought media coverage, how much religion preserves? These few simple observations and considerations are sufficient to realize the great influences high share of negativity that every religion and all religions together, determine; is truly heroic hard and difficult path that humanity, humbly, step by stepmust groped to take to shake off all the ancestral and consolidated ignorance, the huge burden of exploitation, abuse, conditioning that the "guide" interested many "pastors" exercised over the flock. Outrage continued the elementary sense of justice that pervades every one of us; "Blessed are those who hunger and thirst for justice ... the rest will be added unto you." The opinion of the experts of religion is expressed without taking account of the lack of a basic element as may be the right and inalienable freedom of judgment; the views expressed concordance or discordance with the orthodoxy of which they feel custodians, orthodoxy that for them has absolute value. They do not realize or do not want to admit that the basis of orthodoxy can be incorrect and not acceptable. In fact the foundation of any orthodoxy are considered most valid only on the one hand, big or small it may be, while the rest is right arguments for not accepting them. Indisputable certainties are an insult to even the most modest human intelligence, fundamental divine gift. In the field of thought, even in its most brilliant formulations, we can not give solutions and certainties always valid for all. Anyone who expresses and offers absolute certainty is definitely a braggart; everything is wonderfully relative and questionable. Discuss it. We reflect and seek solid foundations, a substantial starting point. When it comes to religion, and of Christianity in particular it refers to the theological constructions that have taken place in the previous millennia. Christianity participating omit the base biblica- the fact of the presence of life, physical on this corner of the universe of Christ considered God-Man. The idea theological creed of Christianity today is the result of a problem that through the various councils and the ideas of the great saints-theologians has been systematized and articulated with numerous contributions, with all exegesis; we can add all the cultural contributions outside but basically fed and amplified by the acceptance of what is considered a definite fact and that is the recognition of Christ as the God-Man. In this view there is a great correlation, despite the many controversies, schisms and heresies. We wonder if these structures of thought and practice religious activity possess a base, a foundation of precise high acceptability; this skyscraper that soars upward that has foundations and on what ground these foundations are planted ... .more


Tratto da "equinozio d'autunno" Edas 2004 pag 41 e seguenti

Le religioni hanno importanza fondamentale nel determinismo di certo status mentale e sociale; spesso si liquida l’argomento osservando che il problema riguarda la coscienza del singolo, la sua piena libertà di giudizio e l’insindacabile accettazione di una fede. Modo di pensare perfettamente accettabile ma che minimizza il doveroso impegno che ognuno di noi ha per cercare di capire, per distinguere, tra il giusto ed il non corretto; è un comportamento da struzzo per evitare fastidiose esposizioni e giudizi sgradevoli. Purtroppo tra l’anelito religioso ed il rapporto con l’essere supremo si inseriscono i vari intermediari che cercano di orientare secondo il loro “ispirato” giudizio l’evidente impulso umano verso una connaturata esigenza di chiara conoscenza che travalica le ridotte possibilità personali. Quanto è profondamente negativa l’interferenza di quella grande quantità di persone che costituiscono potentissime gerarchie che, nelle più importanti e diffuse religioni, guidano praticamente non contraddette, notevoli aspetti della vita intima e del comportamento sociale di grandi masse umane? Le certezze che cercano di infondere quanto si possono considerare giustamente condivisibili?Quanto sono vere le verità di cui si considerano depositari? Le verità spesso in contrasto insanabile con altre verità vetustamente  incontrollabili, senza coerenza con successive, elementari acquisizioni, prima nemmeno ipotizzabili, possono essere accettate solo per fede? Che valore e quale significato attribuire a certe manifestazioni religiose spontanee o organizzate con tecniche di grande spettacolarità? Un evento religioso che diventa spettacolo religioso, anche per la cercata e smaccata risonanza mediatica, quanta religiosità conserva? Queste poche e semplici osservazioni e considerazioni possono essere sufficienti per renderci conto delle grandi influenze ad altissima quota di negatività che ogni religione, e tutte le religioni nel loro complesso, determinano; è veramente eroico il duro e difficile cammino che l‘umanità, umilmente, passo dopo passo deve tentare di compiere per scrollarsi di dosso tutta l’ancestrale e consolidata ignoranza, l’enorme carico di sfruttamento, sopraffazione , condizionamenti che la “guida” interessata di tanti “ pastori” esercita sul gregge. Oltraggio continuato all’elementare senso di giustizia che pervade ognuno di noi; “ Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia ….il resto vi sarà dato in sovrappiù”. Il parere degli esperti di religione viene espresso senza che si tenga conto della mancanza di un elemento fondamentale come può essere la giusta ed irrinunciabile libertà di giudizio; i pareri esprimono una concordanza o discordanza con l’ortodossia di cui si sentono depositari, ortodossia che per loro ha valore assoluto. Non si rendono conto o non vogliono ammettere che la base dell’ortodossia possa essere non corretta e non accettabile. Di fatto le basi di qualsiasi ortodossia sono ritenute validissime soltanto da una parte, piccola o grande che possa essere, mentre il resto trova giusti argomenti per non accettarle. Certezze indiscutibili sono un insulto alla, anche più modesta intelligenza umana, fondamentale dono divino. Nel campo del pensiero, anche nelle sue formulazioni più geniali, non si possono dare soluzioni e certezze valide sempre per tutti. Chiunque esprime e propone certezze assolute è sicuramente un millantatore; tutto è meravigliosamente relativo e discutibile. Discutiamone. Riflettiamo e cerchiamo solide fondazioni, un sostanziale punto di partenza. Quando si parla di religioni, e di cristianesimo in particolare ci si riferisce alle costruzioni teologiche che si sono susseguite nei precedenti millenni. Il cristianesimo parte- tralasciamo la base biblica- dal dato di fatto della presenza vitale, fisica su questo angolo di universo del Cristo considerato Uomo-Dio. L’idea fideistico teologica del cristianesimo attuale è la risultante di una problematica che attraverso i vari concili e le idee dei grandi santi-teologi è stata sistematizzata con i numerosi ed articolati contributi, con tutte le esegesi; possiamo aggiungere tutti gli apporti culturali esterni ma sostanzialmente nutriti ed amplificati dall’accettazione di quello che è considerato un fatto preciso e cioè il riconoscimento del Cristo come Uomo-Dio. In quest’ottica c’è una grande concordanza, non ostante le innumerevoli diatribe, scismi ed eresie. Ci chiediamo se queste costruzioni di un pensiero e di una pratica attività religiosa possiedano una base, un preciso fondamento di altissima accettabilità; questo grattacielo che svetta verso l’alto che fondazioni ha e su quale terreno queste fondazioni sono impiantate….Continua

lunedì 30 novembre 2015


It seems important to emphasize that in my opinion is a clear significant difference between two aspects of the business logic, rational and emotional human being. Every day you hear about the cultural heritage and related events that highlight the striking significance; this is about the intellectual operation of human society, its many magnificent events in everyday life, to be precise, symptomatic manifestation dell'improponibile anthropocentrism. But there is something that goes beyond what has been said and this is the KNOWLEDGE that encompasses and surpasses the cultural exclusive of human society. If the cultural heritage is not articulated with the ability to know the laws of nature in the broadest possible scope for intellectual activity creates a discrepancy that may devalue what is of appreciable in these assets. And 'therefore necessary to establish a fruitful combination of the two aspects that enrich beautifully the two sides. Invitation sincerely cultural operators to expand beyond the perimeter where rationally, emotionally and beautifully operate.

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Mi sembra importante sottolineare quella che a mio parere è una precisa notevole differenza tra due aspetti della attività logica, razionale ed emotiva dell'essere umano. Quotidianamente si sente parlare del patrimonio culturale e delle relative manifestazioni che ne esaltano l'eclatante significato; tutto questo riguarda l'operatività intellettuale della società umana, delle sue numerose e magnifiche manifestazioni nella quotidianità, per essere precisi, manifestazione sintomatica dell'improponibile antropocentrismo e per di più elitario. C'è qualcosa però che va al di là di quanto detto e questa è la CONOSCENZA che ingloba e sovrasta gli aspetti culturali esclusivi della società umana. Se il patrimonio culturale non si articola con la conoscibilità delle leggi naturali nel più ampio ambito possibile per l'attività intellettiva si crea una discrasia che può svalutare quanto di apprezzabile c'è nel detto patrimonio. E' necessario pertanto instaurare un fruttuoso connubio tra i due aspetti che arricchiscano splendidamente i due versanti. Invito sentitamente gli operatori culturali ad espandersi oltre il perimetro in cui razionalmente, emotivamente, magnificamente operano.

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato.

lunedì 23 novembre 2015


Prestare cortese attenzione a  quanto pubblicato su 1543 Disfatta globale del geocentrismo alle pagine 58 e seguenti

Considerazione elementare ma fondamentale, deve essere la consapevolezza di un dato di cui nessun essere dotato di intelligenza anche minima come quella umana dovrebbe trascurare; obbiettivamente passare da re del creato e immagine della divinità ad una consapevole insignificanza, può indurre a uno stato di depressivo scoraggiamento. Questo, a una superficiale riflessione. Se la percezione di questo declassamento, regressione, non viene correttamente inquadrata in una armonica, luminosa correlazione, intima correlazione tra tutti i costituenti di questa eccelsa rete di ineliminabili connessioni, sarebbe nei fatti veramente scoraggiante. La obbligatoria umile percezione di quanto detto, può considerarsi l’esaltante punto di partenza di una più corretta visione della totalità planetaria. Questa visione, questo esaltante punto di partenza possiamo considerarlo come uno spunto verso una meravigliosa serie di concretezze che vanno ben al di là dei numerosi paradisi, piccoli paradisi, umani paradisi che sarebbero il punto di arrivo di un corretto e pio comportamento umano. La semplice comprensione di questa insignificanza di ogni singolo essere umano e della umanità in toto, è una immensità gioiosa e affascinate......... 

Sarebbe opportuno, provare a instaurare un colloquio, paritario colloquio, tra il maggior numero possibile di componenti la sfera artistica mondiale. Evidentemente una sfera artistica di alte qualità, interessate a quello che va al di là degli interessi modaioli. Non quel culturame di basso conio a cui appartengono coloro che non provano ad andare al di là dello spazio di un mattino o grandi esperti che dedicano tutta una vita a scandagliare un singolo personaggio o un singolo evento.
Quanto detto pur avendo una notevole circoscritta importanza dovrebbe venir dopo gli effetti fondamentali di una quotidianità che ha cause lontane che quasi nessuno prende nella dovuta considerazione. Quante esternazioni, vanagloriose esternazioni, pervicacemente diffuse dalla massa delle comunicazioni conserveranno una validità fra una decina di anni, o anche meno?
Mi sento in dovere di insistere su quella concisa riflessione di pocanzi dove puntualizzavo la necessità di una azione comune degli appartenenti ai più coinvolgenti settori artistici, nella speranza che la loro azione si estenda il più largamente possibile e che provi nella maniera più determinata a non restare in un inconcludente elitarismo ma al contrario vivacizzare l’interesse ad estendere al massimo l’operatività di quegli eccezionali talenti.
Per quanto detto, cortesemente insisto, ad invitare gli artisti che sono avvezzi  alle essenzialità a costituire una compagine virtuale che virtuosamente formi un tessuto connettivo che crei una rete di connessioni che coinvolga tutte le ineliminabili essenzialità di questo nostro piccolo mondo. Cerchiamo di non dimenticare mai o sottovalutare la sovvertitrice importanza della rivoluzione copernicana. Cercare di non restare incatenati alle ignoranze, alle superbie del geo -antropocentrismo che nonostante il tempo ormai trascorso, in maniera più o meno subdola, infarciscono moltissime idee e comportamenti odierni di cui purtroppo sono arrogantemente saturi numerosissimi esponenti della classe intellettuale, non escludendo alcuni super valutati premi nobel che piuttosto che equilibrare le conoscenze, sviluppano poco utili particolarismi.

Dobbiamo tutti tener costantemente conto della naturale insignificanza di ogni essere umano e della umanità in toto e per limitarci, di tutto il pianeta. Questa inconsistenza si può considerare un solido piedistallo, saldamente ancorato sulla consistente compattezza di una roccia da cui slanciarsi verso una gioiosa estesa compartecipazione  che renda possibile l’acquisizione di un concreto, modesto ma cosciente orgoglio.........


Pay kind attention to what is published about 1543 Defeat Global geocentricism on pages 58 and following

Consideration elementary but essential, it must be aware of a fact that no being endowed with intelligence as well as the minimum should human neglect; objectively pass from king of creation and image of divinity in a conscious insignificance, it can lead to a state of depression discouragement. This, to a surface reflection. If the perception of this downgrading, regression, is not properly framed in a harmonic, bright correlation, intimate correlation between all the constituents of this excelling network connections can not be eliminated, it would in fact truly daunting. The mandatory humble perception of what is said, can be considered the exciting starting point for a more correct view of the entire planet. This vision, this exciting starting point we can consider it as a starting point to a wonderful series of concreteness that go far beyond the many havens, small paradises, human havens that would be the culmination of a proper and pious human behavior. The simple understanding of this insignificance of every human being and of humanity as a whole, is an immense joy and fascinating.......
It would be appropriate, try to establish an interview, equal conversation, between the largest possible number of members of the artistic sphere worldwide. Evidently a sphere of high artistic quality, interested in what goes beyond the interests fashionistas. Not that culturame low mintage they belong to those who do not try to go beyond the space of a morning or great experts who devote a lifetime to plumb a single character or a single event.
The above Despite a strong emphasis should be limited after the fundamental effects of a daily that causes distant that almost no one takes into account. How many utterances, boastful utterances, stubbornly disseminated by the mass communications retain validity in ten years, or even less?
I feel compelled to insist on that a moment ago where puntualizzavo concise reflection of the need for joint action of the members of the most exciting artistic fields, in the hope that their action is extended as widely as possible and you feel in the most determined not to remain in an inconclusive elitism but rather liven up the interest in extending the maximum operation of those exceptional talents.
As said, politely I insist, to invite artists who are accustomed to the simplicity to set up a virtual team that virtuously form a connective tissue that creates a network of connections involving all unavoidable essence of our little world. Let us never forget or underestimate the importance of subversive Copernican revolution. Try not remain chained to the ignorance, the arrogance of geo -antropocentrismo that despite the time spent by now, in a more or less subtle, peppered many of today's ideas and behavior which unfortunately are arrogantly saturated many members of the intelligentsia, not excluding some super evaluated Nobel Prizes that rather than balance the knowledge, develop of little idiosyncrasies.
We all need to take full account of the natural insignificance of every human being and of humanity as a whole and to limit ourselves, all over the planet. This inconsistency can be considered a solid pedestal, firmly anchored on the solid firmness of a rock from which to hurl a joyful extended partnership that makes possible the acquisition of a concrete, modest but conscious pride........

venerdì 20 novembre 2015


I heard uttered by dear friend Bergoglio a terrible word, that made me jump, and went on in me an intrinsic, intense burning. For every person with a little common sense, curse someone or something is impossible and totally unacceptable, even if they were those crazy terrorists who sowed death in Paris to inspire. The curse mercilessly contradicts the divine mercy, so that by the head of a religion based on divine love all amounts to blasphemy. This is particularly serious because it is the head of an acclaimed religious minority that forgets or does not know the arrogance of those fathers inquisitors who ruthlessly and without concrete evidence of crimes, sent to the stake witch guilty of conniving demon, in addition to those free thinkersThey contradicted the biblical certainties.

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Ho sentito pronunciare dal caro amico Bergoglio una terribile parola, che mi ha fatto sobbalzare ed ha acceso in me un intrinseco, intenso bruciore. Per ogni persona dotata di un minimo di buon senso, maledire qualcuno o qualcosa è improponibile e totalmente inaccettabile, anche se sono stati quei pazzi terroristi che hanno seminato morte a Parigi ad ispirarlo. Il maledire contraddice spietatamente la divina misericordia, pertanto detta dal capo di una religione che fonda tutto sull’amore divino equivale a bestemmia. Quanto detto è particolarmente grave perché è il capo di una acclamata minoranza religiosa che dimentica o non vuol conoscere la superbia di quei padri inquisitori che spietatamente e senza prove concrete di misfatti, mandavano al rogo streghe colpevoli di connivenza demoniaca, oltre a quei liberi pensatori che contraddicevano le sicumere bibliche.

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato

martedì 17 novembre 2015


Dramatically involved in the tragic, outrageous terrorist attacks in France, we try to find the root causes leading to the terrorist actions involving shares of the so-called West. Let us strive to be freely disenchanted. We can attribute a shared responsibility of the West that has narrowly exploited and still exploits resources that are beyond the western borders to increase the power of our sublime civilization? Colonialism, it seems disappeared from the nominal definition, but still ambiguously rouged continues undaunted to dominate and exploit resources outside of their territories, leaving the local population as generous sops only flimsy crumbs. Trying not to be thoughtlessly partial ask ourselves what we have helped to allow the use of claims of dictatorial Caliphate. I can express a personal belief, and in fact definitely it criticabilissima estremante difficult to achieve proper operation. The balanced path to be used mainly to allow in the not excessively long dissolution of the aberrant ideology of the Caliphate is to reduce the exploitation of resources that belong to everyone, but in fact only for the benefit of the few; important, it can not be eliminated the mandatory consideration that is criminally clouded the natural dignity of the exploited. Be imbued with a conscious perception corrensponsabilmente affects questionable behavior of our lofty civilization. The beginnings are in the distant past and persist, alternately, but constantly in everyday life. Recall that the violence also justified the car sooner or later begets more violence.

very welcome suggestions and criticism of what has been published
sugerencias y crtica muy bienvenida y de lo que se ha publicado


Drammaticamente coinvolti nei tragici, ignobili attentati terroristici in Francia, cerchiamo di ritrovare le cause profonde che determinano le terroristiche azioni che coinvolgono quote del così detto occidente. Sforziamoci di essere liberamente disincantati. Possiamo attribuire una corresponsabilità dell'occidente che ha grettamente sfruttato e sfrutta tutt'ora risorse che sono al di là dei confini occidentali per incrementare la potenza della nostra eccelsa civiltà? Il colonialismo, sembrerebbe scomparso dalla definizione nominale, ma ancora oggi, ambiguamente imbellettato continua imperterrito a sovrastare e sfruttare risorse al di fuori dei propri territori, lasciando alle popolazioni locali come generosi contentini soltanto inconsistenti briciole. Cercando di non essere improvvidamente parziali, chiediamoci quanto abbiamo contribuito per consentire l'utilizzo delle rivendicazioni dittatoriali del califfato. Posso esprimere una personale convinzione, sicuramente criticabilissima e nei fatti estremante difficile per poter realizzare una corretta operatività. L'equilibrato percorso per utilizzare prevalentemente per consentire in tempi non eccessivamente lunghi la dissoluzione dell'aberrante ideologia del califfato è ridurre lo sfruttamento di risorse che sono di tutti, ma di fatto soltanto a vantaggio di pochi; importantissimo, ineliminabile la obbligatoria considerazione che viene criminalmente annebbiata la naturale dignità degli sfruttati. Essere pervasi da una cosciente percezione che corrensponsabilmente incida su criticabili comportamenti della nostra eccelsa civiltà. Gli inizi sono in un passato lontano e perdurano, alternativamente ma costantemente nelle quotidianità. Ricordiamo che la violenza anche quella auto giustificata prima o poi genera altra violenza.
Quanto la NOSTRA CIVILTA' è civile?

molto gradite osservazioni e critiche su quanto pubblicato

giovedì 12 novembre 2015


Full solidarity logical, rational, expression of free thought that horror of intolerable supremacy. Fully aware of the undeniable dignity of all the physical and biological components of this planet for so full solidarity towards those who are fighting against the installation of the monstrosity that is destroying the naturalness of the territory of Niscemi, prey to intolerable interests of a single-handed nation. Especially sharing and sympathy for people like Antonio Mazzeo, Gianluca Cutrona, Turi Vaccaro and everyone else, that with commitment and manifests exaltation of the dignity of human beings are doing their utmost to prevent the vile monstrosity of Muos.
For a more in-depth and knowledge necessary to consult the website "Agora vox. Citizen news"
Urgent, poignant call for expressions of determinate human dignity, to those US citizens who put in their intimate awareness duty to oppose, not allow the implementation of the arrogant supremacy that it be above all the irrepressible global interests. Gretta supremacy which contradicts all manifestations lagniloquenti many arrogant authority of their nation. All those US citizens who want to be involved and coherent part in full awareness and dignity with the rest planetarium, gets informed their full dignity exact opposition to all those events that attempt to put the US on top of all the components planetary .This attitude, this operation a few could reduce widespread, often justified anti-Americanism.


Piena solidarietà logica, razionale, manifestazione del libero pensare che ha orrore di intollerabili supremazie. Pienamente consapevoli della indiscutibile dignità di tutti i componenti fisici e biologici di questo pianeta, piena solidarietà per tanto verso coloro che si battono contro l'istallazione di quella mostruosità che sta distruggendo la naturalità del territorio di Niscemi, preda di intollerabili interessi di una unica prepotente nazione.
Particolare compartecipazione e simpatia per quelle persone come Antonio Mazzeo, Gianluca Cutrona, Turi Vaccaro e tutti gli altri, che con impegno e la manifesta esaltazione della dignità degli esseri umani si prodigano per impedire la ignobile mostruosità del MUOS.
Per una più approfondita e necessaria conoscenza consultare il sito "Agorà vox. Il cittadino fa notizia"
Pressante, pregnante invito a manifestare determinatamente l'umana dignità ,a quei cittadini degli USA che mettano nella loro intima consapevolezza il dovere di opporsi, non consentire l'attuazione di quella tracotante supremazia che vuol situarsi al di sopra di tutti gli insopprimibili interessi planetari. Gretta supremazia che contraddice tutte le manifestazioni lagniloquenti di molte tracotanti autorità della loro nazione. Tutti quei cittadini USA che desiderano essere partecipi e parte coerente in piena consapevolezza e dignità con tutto il resto planetario, manifestino con cognizione di piena dignità la loro precisa opposizione a tutte quelle manifestazioni che tentano di mettere gli USA al di sopra di tutti i componenti planetari.Questo atteggiamento, questa operatività di pochi potrebbe ridurre un diffuso, spesso giustificato antiamericanismo.

mercoledì 11 novembre 2015


By the recent publication of the book "1543-Defeat Global geocentricism" we publish the preface:

1543. At first glance, the title might be listed as an additional treatise on astronomy, a historical book, but science behind one date is a hidden world that the author has tried to understand and appreciate the reader.

1543, the year of birth of the Copernican revolution. A careless readers or surface, it might seem a trivial date like many others, for a reader a little more careful a date scientific importance, but in our author is the year zero, in which the light of subversion comes to light and pierce the darkness of human pride. A first impression seems complicated to give a worthy identification to this book, not because it is difficult to understand but because every attempt to catalog would be useless and reductive. The author covers every possible kind touching history, physics, religion, current events. The underlying theme of the whole is always the simple but crucial date, 1543. The author exposes not a theory but a simple observation to everyone and that man before the Copernican revolution, for its natural limits and is believed King center of the universe. Carmelo Briguglio, in complete humility and always declaring his mere insignificance of human beings, part of a wonderful all around us, wants to stimulate the reader to expand their horizons, to get off that pedestal self-costruitosi to watch not to dull blind but with eyes of wonder, the beautiful land, our UNIQUE HOUSE and the universe, that should make us remember that we are only small pieces of a huge puzzle. The author feels compelled bitterly denounce everything and everyone: the so-called great ones of the earth.Politicians greedy for wealth, good artists only in their old small fields of study, religious leaders who declare their direct contact with a God that you can not know the date that vast distance between the Creator and the creature. All guilty of arrogant pride and above all narrow-minded belief that they are the best and that they have the absolute truth. But as Carmel, in a world in which reigns its no place for this imaginative man in full and absolute humility he should recognize it. Certainly the move from rags to riches is not easy, but neat and clean the stables if they can issue a clarity as to leave you breathless. Our Carmelo can 'be labeled as visionary, utopian, crazy? For some possibly could be, but he stubbornly from Don Quixote armored dignity of being man and armed with sword of thirst for knowledge continues undaunted to seek the truth. This book is a work full of pessimism, but appreciation of everyone. The insignificance, concept that could make everyone cringe for the author becomes a solid pedestal anchored in solid rock from which hurl toward horizons that can not be matched by any assumed future paradise built by human imagination. In our paradise is here, we live daily. It's up to us to decide if they want to know and live in harmony with everything else around us, surrounding us, to create the network, the connective tissue that can only leave us only out of breath.
This is the invitation of the author, not a poet, not a writer but a blind man who can see better than all of us and who first heard questioning and looking more than anything else, the confrontation, the debate , why, of all things.
An immense book, a few pages.
Gabriele Di Stefano